Home Interviste in Esclusiva Luciano Castellini: “Il Toro si deve svegliare ma lo tiferò sempre. Donnarumma...

Luciano Castellini: “Il Toro si deve svegliare ma lo tiferò sempre. Donnarumma tra i più bravi d’Europa”

1

Abbiamo chiacchierato con l’ex portiere del Torino e del Napoli negli anni ’70 e ‘80, soprannominato per le sue doti acrobatiche “il giaguaro”. All’ex allenatore dei portieri del Napoli e dell’Inter, nonché dell’Italia Under 21, abbiamo chiesto, data la sua esperienza, qualche parere, nonostante da persona discreta e gentile non ami dare giudizi. Anche grazie a lui i granata conquistarono una Coppa Italia nel ’71 e uno scudetto nel ’76

Il caos sul rinvio di Juve-Napoli cosa dovrebbe farci capire? Da ex giocatore sia dei granata che dei partenopei quale sfida contro i bianconeri ricorda con maggior entusiasmo?

Che ci vuole un’unità di visione, un protocollo uguale per tutti, delle regole condivise, una maggiore chiarezza. Speriamo si risolva tutta la situazione nel minor tempo possibile. Le sfide contro la Juve sono memorabili perché giocare contro chi è quasi sempre al vertice dà una marcia in più. In generale ricordo con soddisfazione i derby vinti con la maglia del Toro. Per fortuna sono stati molti.

C’è stata la sosta per la Nazionale. Un occhio di riguardo le sarà andato al nostro Gigio Donnarumma. Ha la stoffa del campione ormai o deve ancora dimostrare? Cosa pensa invece di Marco Carnesecchi dell’Under 21?

Gigio ormai è una garanzia. Un portiere affidabile, tra i più bravi d’Europa. E’ stato un pre-coach, ha mostrato la via agli altri. Mi piacciono anche Salvatore Sirigu e Alessio Cragno. Carnesecchi non lo conosco bene e non voglio dare giudizi affrettati. Dico solo che se è lì un motivo ci sarà.

Cosa si aspetta dal Toro? Si auspica qualcosa in più dell’obiettivo salvezza? E’ un problema l’esubero giocatori tra cui 4 portieri?

Siccome non mi piace cadere nella retorica per esprimermi con obiettività dovrei essere al posto di Giampaolo. Non ho il suo polso della situazione, però avere giocatori in più non può essere un problema. Dico solo che si devono svegliare tutti e che tifo e tiferò sempre il Toro qualsiasi cosa accada.

Quale fu il segreto del Toro del famoso scudetto?

Ci accorgemmo dopo di essere bravi. Direi quindi l’inconsapevolezza.

Capitolo Napoli. Alex Meret o David Ospina? In una recente intervista l’ex portiere Raffaele Gragnaniello ha dichiarato che Gattuso predilirebbe quest’ultimo per la bravura coi piedi e per la maggiore leadership. Che ne pensa?

Meret l’ho allenato ed è un ottimo portiere. Se Gattuso preferisce l’esperienza di Ospina avrà dei validi motivi. E’ lui che assiste agli allenamenti, non io.

Quante possibilità ha la sua squadra di esordio, il Monza, di salire in serie A per la prima volta nella sua storia?

Sono legato al Monza che ha un’ottima dirigenza. Non vincerà subito, ma sarà una delle pretendenti a salire prima nella massima serie. Step by step però.

Antonio Conte ha fatto bene a restare all’Inter viste le perplessità mostrate alla fine dello scorso campionato?

Assolutamente sì, perché così continuerà a dimostrare bravura e carisma.

Lei ha seguito la preparazione di 4 grandissimi portieri nerazzurri: Walter Zenga, Gianluca Pagliuca, Sebastien Frey e Francesco Toldo. Cosa ci può dire di loro?

Li sento ancora tutti e li abbraccio. Non faccio torto a nessuno parlando più di uno rispetto all’altro. Sono tutti e 4 professionisti affidabili e grandi campioni.

C’è qualcuno oggi che le ricorda lei da giovane e che può essere definito il giaguaro?

Non direi, perché sono cambiate le caratteristiche dei portieri. Io con il mio metro e 82 sarei considerato basso oggi. Forse l’unico con le mie caratteristiche fisiche è Cragno, alto 1.84. Quasi tutti sono alti dal metro e 85 in su altrimenti non vengono presi in considerazione.

Che cos’altro si sente di dire sull’impostazione dei portieri nel calcio attuale?

Si punta troppo sul gioco di piedi. Il portiere, invece, anche se può sembrare ovvio, deve in primis saper parare.

Fonti foto: napolimagazine, pianetazzurro.it, pinterest, ebay, inter.it e amazon

Erika Eramo

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.