Home Editoriali Volata a tre per il tricolore

Volata a tre per il tricolore

0

Quando mancano 7 giornate al termine del campionato, l’Inter dovrà recuperare una partita, proviamo a tracciare i possibili risvolti

Milan 67 punti: i rossoneri si esaltano in trasferta mentre in casa nel 2022 la sconfitta contro lo Spezia, l’unica nel nuovo anno, e i pareggi ottenuti con l’Udinese e il Bologna pesano. Mancano i gol di Ibrahimovic, l’età avanza per tutti, a 40 anni non riesce a trovare continuità nè in campo e nè nella lista dei marcatori. Il gruppo di Pioli comunque comanda la classifica, perciò dipende tutto dal Milan, e non ci saranno più scontri diretti tra le tre pretendenti al titolo. Giroud è stato decisivo ribaltando con una doppietta l’Inter nel derby e stendendo il Napoli fuori casa. Il derby in Coppa Italia, 0-0 all’andata, potrebbe far perdere delle energie fondamentali al Milan, così come l’eventuale finalissima. Per larghi tratti del torneo i rossoneri hanno mostrato un bel gioco, ma ora la manovra è un po’ in affanno. La squadra non subisce reti da cinque giornate ma stanno deludendo in fase realizzativa i vari giocatori schierati sulla trequarti.

Napoli 66 punti: il club azzurro è partito fortissimo, sviluppando anche un bel gioco, ad inizio campionato poi si è smarrito, complice anche l’infortunio subìto da Osimhen. Adesso è rientrato, anche grazie al ritmo non elevatissimo delle due milanesi, in pieno nella corsa scudetto. Per alcuni versi potrebbe essere la compagine favorita, non è impegnata in nessun’altra competizione, però il club e l’ambiente non sono abituati a raggiungere certi traguardi. Per il Napoli potrebbe trattarsi di un’occasione più unica che rara, lo insegna la storia. Dal dopoguerra in poi se il titolo di campione d’Italia non se lo aggiudica la Juventus, a trionfare sono o l’Inter o il Milan, salvo annate particolari. Gli uomini di Spalletti pertanto dovranno sfruttare al massimo ogni situazione trovandosi anche in un buon momento di forma. Nel 2022 hanno perso solo con il Milan.

Inter 63 punti: rispetto alle avversarie ha perso una volta in più nel 2022, i nerazzurri sono usciti sconfitti nel derby e contro il Sassuolo, ma hanno da recuperare l’incontro con il Bologna in trasferta. Una gara non semplice in quanto i rossoblu andranno oltre i propri limiti per soddisfare le rischieste di mister Mihajlovic ricoverato in ospedale per lottare nuovamente contro la leucemia. Dopo i 7 punti in 7 gare è giunta la pesantissima vittoria, sia a livello di classifica che di morale, a Torino con la Juve anche se la prestazione è stata deludente. Simone Inzaghi, così come Stefano Pioli e Luciano Spalletti, non ha mai vinto lo scudetto da allenatore e la differenza con il suo predecessore Antonio Conte si nota in questa situazione. Dzeko era partito bene poi però non ha più retto il confronto con Lukaku dello scorso anno. Prima del rallentamento l’Inter giocava bene ed era la favorita numero uno, ora ha le stesse possibilità delle altre due ed è impegnata in Coppa Italia.

Fonte foto: SempreMilan.com

Stefano Rizzo

Articolo precedenteTutto Molto Bello | Perché Atalanta e Roma possono (e devono) vincere in Europa
Prossimo articoloBenzema da Oscar: sia da attore non protagonista che da attore principale è sempre il migliore
Giornalista e laureato in Scienze della Comunicazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.