Home Interviste in Esclusiva Paolo Monelli: “Fiorentina danneggiata”

Paolo Monelli: “Fiorentina danneggiata”

   Tempo di lettura 2 minuti

L’ex attaccante: “La società gigliata deve intervenire”

Per il punto su questa giornata di campionato infrasettimanale, ho intervistato Paolo Monelli, ex attaccante degli anni ottanta di Fiorentina e Lazio.

Monelli è stato autore di un gol siglato da oltre sessanta metri nella sfida Fiorentina – Napoli 3-1 del 1987.

La Fiorentina, dopo lo scorso anno, continua a essere danneggiata. La società viola come si deve comportare?

Ieri in Fiorentina – Napoli l’episodio del rigore non concesso a Cuadrado con tanto di espulsione per simulazione ai danni del colombiano ha dell’incredibile. E’ un fatto eclatante che può danneggiare un’intera stagione.

Alla Fiorentina anche il pareggio sarebbe andato stretto.

La società viola deve farsi sentire e chiedere rispetto.

Esiste negli arbitri la sudditanza psicologica?

Assolutamente sì. E’ un discorso vecchio ma sempre attuale.

Cosa serve al Milan per rialzarsi?

Non ha la rosa all’altezza delle altre grandi. E’ una squadra che ha pochi campioni, a parte Balotelli e Kakà, con quest’ultimo che comunque è in ripresa. Il Milan soffre troppo anche sulle palle inattive.

Cosa è scattato nel Bologna?

La società rossoblù ha avuto fiducia nel progetto del tecnico Pioli e i risultati si stanno vedendo. Società del genere meritano la salvezza per il loro modo di comportarsi.

La Roma potrà avere delle difficoltà contro il Chievo?

Non penso proprio. Sulla carta non ci dovrebbe essere partita. Poi come si sa, nel calcio, ogni partita fa storia a sé.

Ci racconta quel gol da sessanta metri con la maglia della Fiorentina contro il Napoli?

Ricordo anche la data esatta: il 4 gennaio 1987.

Alzai la testa, vidi Garella fuori porta e calciai d’istinto. La parabola fu perfetta e, prima di entrare, la palla rimbalzò anche un paio di volte, aumentando così l’emozione.

Stefano Rizzo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.