Home Curiosità Luigi Milan: l’uomo che per primo rese grande il calcio italiano in...

Luigi Milan: l’uomo che per primo rese grande il calcio italiano in Europa

   Tempo di lettura 2 minuti

L’ex mezzala, tra gli altri, di Udinese, Fiorentina e Atalanta è venuto a mancare venerdì scorso a pochi giorni dal suo ottantaseiesimo compleanno, con la Viola fu decisivo nella storica vittoria in Coppa delle Coppe 

È una perdita che fa male, non solo alla città di Firenze ma a tutta l’Italia. Lo scorso venerdì si è spento Luigi Milan, ex calciatore ed allenatore italiano. Avrebbe compiuto 86 anni un paio di giorni dopo, il 10 dicembre. Nato a Mirano, vicino Venezia, è cresciuto calcisticamente in Veneto esordendo tra i professionisti nel 1957 proprio con la formazione lagunare. 

Milan in carriera ha indossato anche altre maglie: quella dell’Udinese, del Catania, del Pontedera, del Rovigo e quella dell’Atalanta. Nella Dea militò per sei stagioni (dal 1963 al 1969), di gran lunga la sua avventura più longeva. In termini di qualità però la sua esperienza migliore fu senza dubbio quella con la Fiorentina

Ci giocò dal 1960 al 1962, non segnò molto, ma il peso specifico dei suoi gol fu incalcolabile. Milan infatti fu protagonista assoluto del trionfo della Viola in Coppa delle Coppe nel 1961 contro i Glasgow Rangers: doppietta in Scozia nella gara d’andata della finale e gol anche al ritorno. Un triplo sigillo che gli valse il soprannome “Leone di Ibrox” e che regalò non solo alla Fiorentina, ma anche a tutto il calcio italiano, il primo trofeo continentale Uefa della propria storia. Sempre in quella stagione, il bomber viola mise la firma anche sulla vittoria in Coppa Italia per 2-0 contro la Lazio. Un’annata indimenticabile. 

Fonte immagine: Calciotoscano.it

Milan, ritiratosi dal calcio giocato nel 1972 dopo 220 presenze in Serie A, è stato anche allenatore, dal 1973 al 1990. Ha iniziato guidando l’Olbia, proseguendo poi con PratoMasseseCittà di CastelloCerretesePotenza Rondinella. I suoi funerali si sono tenuti lo scorso sabato a Firenze, presso la chiesa dei Sette Santi. Un’intera città ad omaggiare un giocatore che ha reso grande il calcio italiano in Europa prima di tutti gli altri. 

Questa l’intervista che Milan rilasciò a Passione del Calcio l’8 maggio del 2015: clicca qui

Questo invece il messaggio che ci inviò nel 2018 poco prima dell’inizio del mondiale russo: clicca qui

Tutta la redazione si unisce al dolore per la sua dipartita, ciao Luigi! 

Luca Missori

(Fonte immagine: Occhioenotizie.it)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.