Home Editoriali La rivelazione Bologna

La rivelazione Bologna

   Tempo di lettura 3 minuti

Gli uomini allenati da Thiago Motta stanno dimostrando di avere tutte le carte in regola per disputare la prossima Champions Leaugue

Dopo le tre grandi del nord ovvero Juventus, Inter e Milan, dal girone unico, 1929/30, in poi il Bologna e il Torino hanno fatto meglio di tutte le altre vincendo 5 scudetti a testa. Il Toro sta disputando una discreta stagione cercando di tornare in Europa, al momento occupa la nona posizione con 44 punti, ma chi sta sorprendendo tutti è il Bologna. I felsinei sono la quarta forza del campionato a soli 2 punti dalla Juve. Una stagione fin qui incredibile, basti pensare che l’ultimo terzo posto finale il club rossoblu lo ha raggiunto nel lontano 1967.

Il mister Thiago Motta da calciatore in qualità di centrocampista ha disputato diverse partite con squadre del calibro del Barça, Inter e PSG, vincendo due volte la Champions, nel 2006 con i blaugrana e nel 2010 con i nerazzurri. L’italo-brasiliano con la Nazionale azzurra è stato vice campione d’Europa nel 2012. Ha iniziato ad allenare nel Genoa in A, dove aveva militato come giocatore sempre in A nell’annata 2008/09 con un sorprendente quinto posto finale, nell’ottobre 2019 ma solo per 10 partite, una parentesi negativa che non presagiva nulla di buono. Due anni più tardi lo Spezia punta su di lui e Thiago Motta non delude le aspettative raggiungendo la salvezza nella massima serie. Nella stagione successiva arriva a settembre nel Bologna per sostituire Sinisa Mihajlovic, il quale da lì a breve lascerà questo mondo a causa di una malattia devastante. Thiago Motta inevitabilmente trova un ambiente scosso, che comunque negli anni sotto la guida di Sinisa aveva ben figurato. Thiago Motta è bravissimo nel gestire il tutto. Il presidente canadese Saputo durante l’estate del 2022 piazza il grande colpo di mercato prelevando il dirigente Sartori, artefice del ‘miracolo’ Chievo e della super Atalanta. Dopo il primo rodaggio dell’annata scorsa, il Bologna ha comunque sfiorato l’Europa, chiudendo al nono posto a due punti dalla Fiorentina qualificata alla Conference League grazie alla squalifica europea inflitta alla Juve, in questo campionato i rossoblu stanno brillando e sono lanciati verso il ritorno in Europa, magari anche dalla porta principale della Champions. In doppia cifra ci sono ben due giocatori, il talentuoso Zirkzee e Orsolini, primo tra gli italiani nella classifica dei bomber, entrambi a quota 10 gol. Terza miglior difesa grazie soprattutto al portiere Skorupski e ai difensori Posch, Beukema, Calafiori e Kristiansen. Al centro del campo il duo svizzero Aebischer e Freuler ha ben supportato l’estro di Ferguson. Infine in attacco si è distinto bene anche l’ex Milan Saelemaekers. Insomma negli anni trenta il Bologna era ‘lo squadrone che tremare il mondo fa’, ora a tremare per il terzo posto è la Juventus, la quale ha messo gli occhi proprio su Thiago Motta qualora dovesse interrompersi a fine campionato l’avventura di Allegri alla Juve.

Hai voglia di discutere su questa notizia e su tanto altro in un ambiente sano, in cui puoi conoscere nuove persone appassionate come te? Iscriviti qui allora clicca qui

Fonte foto: TaorminaNews24.com

Stefano Rizzo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.