Home Interviste in Esclusiva Bernardo Corradi:“Alla Lazio manca una figura di raccordo tra società e tifosi”

Bernardo Corradi:“Alla Lazio manca una figura di raccordo tra società e tifosi”

0

L’ex attaccante in un’intervista a Passione del Calcio ha parlato della sua carriera e della Lazio

In campo non si è mai risparmiato dando sempre tutto per la maglia e per questo Bernardo Corradi è sempre stato apprezzato dai tifosi delle squadre in cui ha militato. Appesi gli scarpini al chiodo, ha intrapreso la strada da opinionista, ma nonostante ciò, c’è sempre un momento per fare un piccolo salto a ritroso e parlare del periodo in cui calcava il prato verde, quando ha girato per l’Italia e per il mondo sempre con la voglia di fare goal.

Da Siena a Montreal, passando per Cagliari, Chievo, Inter, Lazio, Valencia, Parma, Manchester City, Reggina e Udinese. Quali sono stati gli anni più belli? E il ricordo più significativo della sua esperienza laziale?

Gli anni al Chievo con il debutto in Serie A e il passaggio alla Lazio sono stati senz’altro i migliori, ma giudico positivamente anche le stagioni negative, perché mi hanno dato qualcosa, facendomi crescere. Ho avuto la fortuna di girare belle città, tra cui anche Udine, Parma e Reggio Calabria in cui mi sono trovato molto bene.

Il derby è sempre qualcosa di speciale. Come viveva quello contro la Roma ?

Cambiando diverse squadre, ho giocato molti derby. Naturalmente a Roma è diverso, in quanto l’adrenalina che trasmette è palpabile tutto l’anno. L’atmosfera delle settimane precedenti è unica, con i tifosi che vengono al campo d’allenamento per incitare la squadra. Mi è dispiaciuto non vedere il pienone allo stadio nell’ultimo derby, perché quando giocavo era sempre tutto esaurito.

Nella sfida di ritorno degli ottavi di finale di Europa League contro lo Sparta Praga in cosa dovrà essere brava la Lazio per conquistare la qualificazione?

In Europa sta facendo molto bene. Credo abbia tutte le possibilità per passare il turno e lo spero tanto. Domani sarò allo stadio a vederla.

Su chi punterebbe in attacco tra Klose e Matri?

Klose è tornato al goal, mostrando di avere gran carattere. La scelta va ponderata in base al modo in cui mister Pioli vorrà giocare

In caso di passaggio del turno è legittimo pensare alla vittoria finale?

Credo sia prematuro poterlo dire, ci vorrà una bella dose di fortuna, oltre che di bravura, ma sicuramente la Lazio può dire la sua.

Cosa pensa dell’attuale gestione della società?

Vivendola da fuori non posso esprimere un giudizio preciso. Ciò che posso dire è che la società ha badato un po’ di più al futuro con acquisti in prospettiva. Quest’anno dovrà sfoltire una rosa numericamente spropositata, perché non è semplice lavorare con 30 e più giocatori. Inoltre la mancanza di una figura di raccordo (un ex calciatore ad esempio) tra società e l’ambiente, come quella di Marco Di Vaio al Bologna per intenderci, ha di fatto, allontanato i tifosi.

Lei ha avuto la fortuna di segnare il primo goal in Nazionale proprio nel match d’esordio. Cosa ha provato dopo quella rete?

Già la convocazione è stata un po’ una sorpresa, anche se in quel periodo stavo facendo bene. Pensavo di andare in tribuna quel giorno, o al massimo in panchina, ed invece con Vieri k.o il mister decise di farmi giocare e venne a dirlo a me, Miccoli e Camoranesi, anche loro all’esordio.

Pensa di aver avuto poche chance in maglia azzurra?

Forse si, ma sono contento di ciò che ho fatto in Nazionale.

Come giudica la sua esperienza in Canada? Cosa le ha lasciato?

Avevo già avuto modo di vedere il calcio in altri paesi come Spagna e Inghilterra, ma lì è davvero differente. Ci sono molte pause durante le partite. La gente si sta appassionando sempre di più e cresce l’entusiasmo dei tifosi. Devo ringraziare il presidente del Montreal che è sempre stato cordiale e disponibile nei miei confronti.

Ringrazio sentitamente Bernando Corradi per avermi concesso quest’intervista.

Antonio Pilato

Fonte dell’immagine www.iamnaples.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.