Home Editoriali Il calcio ai raggi K

Il calcio ai raggi K

   Tempo di lettura 4 minuti

Editoriale di Erika Eramo

Cosa è rimasto di questo inizio campionato? Chi sono i top e flop? A chi dedico la stoccata? Un occhio particolare al caso Totti

Top: Pensando all’estate burrascosa tra Lotito, Bielsa e i problemi dello spogliatoio (vedi Keita) sembrava l’inizio di una stagione fallimentare e invece ora si stenta a credere a questa Lazio così equilibrata. Merito dell’esperienza di Peruzzi che ha messo tutti in riga, della tranquillità di Simone Inzaghi (“non sono importanti i moduli, ma il carattere”), di un attacco che sembra finalmente rifunzionare grazie anche al nuovo acquisto. Quando Immobile disse a Auronzo: “Non farò rimpiangere Klose” quanti avranno pensato: “certo come no”? E invece, zitto zitto, Ciro Il Grande si è conquistato un pezzetto di cielo, oltre ad aver segnato lo stesso identico numero di reti di Miro alla sua prima stagione. L’obiettivo era migliorarsi? Per ora ha fatto di più e, dopo essere stato accostato a Signori e Giordano, è ormai il simbolo della rinascita dell’aquila. Se la donna è mobile la Lazio è Immobile

Flop: Un primo posto scontato e senza scossoni, quello juventino, rischia di silenziare la vetta infuocata. Non è il divario punti o qualche passo falso ma l’atteggiamento di Sarri che non va: “loro sono di un’altra categoria”. Lui è l’anima del Napoli e le parole pesano. Al fuoco nemico non puoi rispondere a salve altrimenti ti fanno fuori. Il 29 ottobre, giorno dello scontro diretto, si avvicina. Vorrei fosse una partita a viso aperto, senza scusanti e recriminazioni in caso di cilecca, ma con la voglia sfacciata di colpire al cuore gli avversari. Lo ha detto anche De Laurentiis che non bisogna cercare alibi. Approfitta della pausa Nazionali per riflettere caro Maurizio. Loro hanno l’attacco in HD? Tu rispondi facendo l’ MC, il rapper che trascina gli avversari nel forsennato ritmo Milik-Callejon. Col Milan ti è riuscito, perché non riprovarci? Dall’Horror-Dread al Marvel-Care… it’s free-Sarri-style

La stoccata: Roberto De Zerbi, subentrato a Ballardini sulla panchina del Palermo, ha dichiarato sul mangiallenatori Zamparini: “Finora con me si è comportato benissimo”. Pensa Roberto che anche Barbablù con le sue mogli si comportava benissimo…prima di farle fuori…io nell’ultimo campionato ho contato 7 nomi (Iachini, Ballardini, Viviani, Bosi, Schelotto, Tedesco, Novellino) come i 7 matrimoni del leggendario marito sanguinario. Zamparini che barba che noia che… Barbarosanero

Un Top fra due schermidori flop: In casa Roma dovrebbero imparare la regola del silenzio. La Blasi sbaglia modi e tempi all’indirizzo di Spalletti definendolo “piccolo uomo” e il mister, che evidentemente è un tantino permaloso, replica con un video surreale che fa ridere solo lui: “Totti con me ha segnato 99 volte, gli do come voto 9,9 perché manca un pezzettino”; dopo di che gli regala la DeLorean, la macchina del tempo di “Ritorno al futuro”, mentre ha in serbo per la signora Ilary il 45 giri di Mia Martini “Piccolo uomo”. Peccato che non siamo all’asilo dove si fanno i dispetti e che il tutto è avvenuto alla vigilia del compleanno del capitano. L’unico ritorno auspicabile è al buon senso, questo sì, un pezzettino mancante. E’ possibile goderci in santa pace il campione che, come il sole, esce fuori dopo la tempesta (ogni riferimento alla partita con la Samp è puramente casuale) senza dover assistere a queste pagliacciate? Auguri doppi visto che oggi è anche l’onomastico Francesco. Come il santo ammansì il lupo, tu ammansisci i lupacchiotti strepitanti dato che ti riesce così bene con la palla. In bocca al lupo Highlander del calcio e insegna, mi raccomando, che… Il silenzio è d’oro

Erika Eramo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.