Home Interviste in Esclusiva Eraldo Pecci: “La Juve può battere il Real”

Eraldo Pecci: “La Juve può battere il Real”

   Tempo di lettura 2 minuti

L’ex centrocampista: “Per il Milan è un momento davvero critico”

Per una analisi sugli imminenti impegni europei delle squadre italiane, ho contattato Eraldo Pecci, ex centrocampista, tra gli anni settanta e ottanta, del Bologna, del Torino, della Fiorentina e del Napoli. Pecci si è laureato Campione d’Italia nel 1975/76 con la maglia granata del Toro.

Pecci è attualmente commentatore Tv.

Il Milan potrà riscattarsi contro il Barcellona?

Come di suo dire la palla è rotonda…ma dubito fortemente. Il Milan sta vivendo un momento difficile sia dentro che fuori dal campo. Tutto è messo in discussione. La fiducia di Allegri è limitata da parte della Società. Questo Barcellona però è battibile e Messi non sta attraversando il suo momento migliore.

Questa Juve è pronta per battere il Real?

La Juventus non meritava di perdere all’andata. I bianconeri devono assolutamente fare punti anche contro i merengues se vogliono passare il turno. A volte nel calcio basta un episodio e quando affronti squadra del genere la fortuna deve stare dalla tua parte…

Il Napoli può passare il turno?

Il Napoli purtroppo è inserito in un girone di ferro. L’Arsenal sta volando in Premier League e anche il Borussia Dortmund sta facendo bene nella Bundesliga.

I partenopei hanno già battuto all’andata il Marsiglia e dovranno fare altrettanto al San Paolo perché non possono permettersi passi falsi.

Ritiene che sia la Fiorentina che la Lazio in Europa League manderanno in campo diverse ‘riserve’?

Penso di sì. Soprattutto la Fiorentina che è praticamente già qualificata. Purtroppo i gironi di  Europa League a mio avviso hanno poco fascino. La competizione diventa interessante con l’eliminazione diretta, quando retrocedono le squadre dalla Champions League.

Un ricordo sul primo e unico (per ora) scudetto granata del dopo Superga?

L’incoscienza dei vent’anni mi faceva sembrare il tutto una domenica normale.

Stefano Rizzo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.