Home Interviste in Esclusiva Pasquale Marino: “La Lazio può essere la terza incomoda nella corsa scudetto”

Pasquale Marino: “La Lazio può essere la terza incomoda nella corsa scudetto”

0

L’allenatore ha analizzato anche le altre zone di classifica, con un occhio alla Serie B e uno sguardo sul suo passato

Il tecnico siciliano Pasquale Marino è stato intervistato da passionedelcalcio e ha effettuato una panoramica sulla massima serie, sul campionato cadetto e ha ricordato alcune sue imprese. Marino nel ruolo di centrocampista ha indossato le maglie del Messina e del Catania negli anni novanta, da mister ha allenato tra le altre sempre il Catania, poi l’Udinese, il Parma e il Genoa.

Tra la Juve e l’Inter chi ha più possibilità di arrivare per prima al traguardo?

Entrambe. In questo momento regna un grande equilibrio. L’Inter ha espugnato San Paolo un campo sempre complicato nonostante il momento di difficoltà del Napoli, mentre la Juve ha schiacciato il Cagliari che è tra le rivelazioni della prima parte di stagione.

La Lazio può recitare il ruolo di terza incomoda?

Tutto è possibile. La squadra di Simone Inzaghi sta esprimendo un bel calcio e non sarà impegnata in Europa.

L’Atalanta invece potrà inserirsi tra le romane per un posto in Champions?

Assolutamente sì. Gli uomini di Gasperini corrono a ritmi altissimi. Il gioco è di qualità e poi è una compagine che ha facilità nell’andare in rete, soprattutto negli ultimi metri.

Quanto potrà incidere l’arrivo di Ibrahimovic al Milan?

E’ un calciatore carismatico, può aiutare i giovani, può dare comunque una mano a tutto il gruppo. Deve entrare in condizione.

Nel novero di squadre che lottano per salvarsi chi rischia di più?

Per ora la classifica parla chiaro. La SPAL è il club più in difficoltà. Il Brescia e il Lecce possono mantenere la categoria. I giallorossi stanno pagando il tabù legato alle vittorie casalinghe perchè potevano avere qualche punto in più. Le due genovesi e la Fiorentina hanno le potenzialità per uscire dalle sabbie mobili. Il mercato può essere decisivo.

Per quel che concerne la promozione in A invece?

Il Benevento ormai ha più di un piede e mezzo in Serie A. E’ un gruppo compatto e cinico. Il Pordenone è la sopresa più positiva, mentre il Crotone di Stroppa sta sviluppando il gioco migliore. C’è poca differenza tra la zona play off e quella play out, ne vedremo di belle.

Un suo parere sullo stato attuale del Foggia e del Palermo sue ex squadre?

Mi auguro che possano già da giugno tornare nel professionismo.

Il Foggia sta duellando con il Bitonto e il Sorrento, invece il Palermo con il Savoia.

Il periodo più bello e la partita che ricorda con più piacere?

Da siciliano gli anni nel Catania e l’esperienza all’Udinese.

Con gli etnei rammento con affetto la gara del 2006 contro l’Albinoleffe vinta per 2-1 con conseguente promozione in A dopo 22 anni e la sfida nel neutro di Bologna, la stagione dopo, contro il Chievo terminata con la vittoria per 2-0 con l’obiettivo salvezza raggiunto.

Sulla panchina dei bianconeri invece nella stagione 2008/09 mi sono tolto parecchie soddisfazioni. Abbiamo eliminato (0-2 a Dortmund) dopo i calci di rigore il Borussia Dortmund allenato da Klopp, sconfitto il Tottenham e agli ottavi estromesso lo Zenit campione in carica.

Fonte foto: YouTube.com

Stefano Rizzo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.