Home Editoriali Per gli azzurri c’è la Macedonia del Nord poi forse CR7

Per gli azzurri c’è la Macedonia del Nord poi forse CR7

0

Il Sorteggio per i play off validi per l’accesso al Mondiale in Qatar ci ha sorriso solo per la semifinale mentre l’eventuale finale sarà tosta

Alla Nazionale azzurra è andata bene per metà. La semifinale, per giunta in casa, vedrà gli azzurri sfidare la Macedonia del Nord in un incontro che sulla carta vede molto favorita la selezione guidata dal ct Roberto Mancini. Nella Macedonia del Nord il centrocampista del Napoli Elmas e l’attaccante Nestorovski dell’Udinese sono i giocatori più rappresentativi, quest’ultimo però è fermo ai box per un infortunio grave da aprile di quest’anno. Una compagine che non ha mai partecipato ad una rassegna iridata, mentre quest’estate ha preso parte per la prima volta ad un Europeo. L’Italia giocherà in casa il 24 marzo 2022 e con tutta probabilità l’incontro di disputerà all’Olimpico di Roma.

La vincente se la vedrà con chi avrà la meglio tra Portogallo e Turchia. I turchi vantano due partecipazioni ai mondiali, spicca il terzo posto del 2002. In difesa ci sono Ayhan e Muldur, del Sassuolo, e Demiral, dell’Atalanta. A centrocampo Calhanoglu dell’Inter è il faro, mentre in attacco Burak Yilmaz e Under, entrambi militano in Francia rispettivamente con il Lilla e il Marsiglia, sono i più temibili. Una Nazionale che nel complesso ha molti limiti ed a Euro 2020 è risultata essere tra le peggiori partecipanti. Pertanto il Portogallo parte nettamente favorito. I portoghesi dal 2002 sono sempre stati presenti ai mondiali. Una tra Italia e Portogallo, le ultime due Nazionali ad aver vinto gli europei, non volerà in Qatar il prossimo anno. Noi ci auguriamo logicamente di staccare il pass ma sarà sicuramente tosta, considerato anche che gli azzurri andranno in trasferta nell’eventuale finale il 29 marzo 2022. Per Cristiano Ronlado, stella del Portogallo, potrebbe essere l’ultima occasione di prendere parte ad un Mondiale, a novembre prossimo avrà 37 anni. Una selezione forte che può contare su Rui Patricio tra i pali, estremo difensore della Roma, in difesa sull’esperienza di Pepe, del Porto, e sui giocatori del Manchester City Cancelo e Dias. A centrocampo ecco un altro giocatore esperto Moutinho, del Wolverhampton, e il gioiello del Manchester United Bruno Fernandes. In attacco a fare compagnia a CR7 si giocano il posto i due Silva, Bernardo del City e Andrè del Lipsia, con Jota (Liverpool) e Joao Felix (Atletico Madrid) pronti a dire la loro, occhio anche a Rafael Leao del Milan.

Non possiamo permetterci un’altra esclusione dopo la beffa contro la Svezia di quattro anni fa e perciò l’Italia dovrà scendere in campo con la grinta e lo spirito che l’hanno contraddistinta ad Euro 2020. Siamo i campioni d’Europa in carica e perciò sono le altre Nazionali che devono temerci. Forza Azzurri!

Fonte foto: EuroSport.it

Stefano Rizzo

Articolo precedenteMourinho punta sui giovani: con lo Zorya esordio per il 2004 Missori
Prossimo articoloPlusvalenze, campo e infermeria: Juventus senza pace
Giornalista e laureato in Scienze della Comunicazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.