Home Interviste in Esclusiva Christian Riganò: “L’Hellas Verona è favorito ma deve stare attento al Cittadella”

Christian Riganò: “L’Hellas Verona è favorito ma deve stare attento al Cittadella”

   Tempo di lettura 3 minuti

L’ex bomber della Fiorentina è intervenuto ai microfoni di passionedelcalcio per analizzare la situazione sui play off di B e di C, con un occhio anche al passato

Abbiamo intercettato Christian Riganò autore con la maglia viola della scalata dalla Serie C2 alla A dal 2002 al 2005. L’ex attaccante a suon di gol ha contribuito in maniera fondamentale alla rinascita della società viola.

Lei che ha giocato sia nella Fiorentina che nell’Empoli come analizza questa volata che si è svolta per la salvezza?

Mi dispiace molto per l’Empoli perché avrebbe meritato di salvarsi. Per fortuna noi viola avevamo raccolto punti in precedenza. Nessuno si aspettava un crollo del genere, ma comunque non abbiamo mai rischiato più di tanto.

In Verona-Cittadella chi parte favorito nello spareggio per andare in Serie A?

Il Cittadella è una squadra ormai collaudata. Mister Venturato sta facendo un ottimo lavoro. Con pochi mezzi economici la società allestisce sempre rose all’altezza. Il Verona però vanta più esperienza. Questa Serie B ci ha riservato diverse sorprese.

In Serie C quali compagini sono più attrezzate per ottenere la promozione in B?

Arezzo-Pisa sarà un derby toscano molto equilibrato. La Triestina è stata costante e sulla carta parte favorita contro il FeralpiSalò. Stesso discorso vale per il Piacenza che ha più possibilità sull’Imolese. Il Piacenza ha avuto il ‘braccino corto’ nelle ultime giornate. Altro derby molto tirato sarà Catania-Trapani. E’ difficile fare dei pronostici in questo caso in quanto le due squadre siciliane si equivalgono.

Crede nella possibilità che l’imprenditore italo-americano Commisso rilevi la Fiorentina?

Già altri nomi in passato sono stati accostati alla società viola. Aspettiamo l’evolversi degli eventi.

I gol più belli in maglia gigliata?

In rovesciata contro il Como e il Cagliari.

Un ricordo particolare della stagione 2006/07 a Messina in cui segnò 19 reti in A?

A livello personale fu un’annata straordinaria ma resta la delusione per la retrocessione. Purtroppo nel ritorno ci siamo persi anche per via di un mio infortunio. Ricordo con piacere la mia doppietta che stese la Reggina nel derby dello stretto.

Ci racconta dell’esperienza in Spagna con il Levante?

Bellissima avventura in un torneo in cui gli attaccanti hanno più spazio in campo.

C’è un nuovo ‘Riganò’ ovvero un giocatore che a 28 anni realizza valanghe di reti nelle serie minori senza aver avuto un’opportunità a livelli più alti?

Speriamo che ci sia ma più giovane e che possa essere segnalato a club importanti.

Fonte foto: blogger.it; calciohellas.it

Stefano Rizzo

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.