Home News Urla forte cara Dea! 0-3 Shakhar Atalanta. Analisi e pagelle

Urla forte cara Dea! 0-3 Shakhar Atalanta. Analisi e pagelle

1

Nerazzurri storici contro gli ucraini, ne fanno tre e staccano il pass per gli ottavi come secondi

Straordinaria impresa dell’Atalanta che sbanca Kharkiv per 3 a 0, grazie alle reti di Castagne, Pasalic e Gosens. Orobici che staccano lo storico biglietto per gli ottavi di finale di Champions League, approfittando anche della vittoria esterna del City sul campo della Dinamo Zagabria.

Dea in campo con il 3-4-3, ci sono de Roon e Freuler in mezzo, in avanti spazio al Papu Gomez, coadiuvato da Pasalic e Muriel.

Nello Shakhtar, 4-2-3-1 con capitan Taison a guidare Tete, Kovalenko e l’unica punta Moraes.

UNA DEA DA URLO

Squadra di Gasp che parte con l’acceleratore premuto sin dalle prime battute: prima Pasalic al minuto 5′ e poi Gomez al quarto d’ora spaventano la retroguardia ucraina, che riesce a salvarsi con qualche affanno di troppo. Gli orobici gestiscono bene il ritmo del match con lo Shakhtar che va di folate, prima con Kovalenko che al minuto 15′ si vede annullare giustamente un gol per offiside e poi allo scadere con Moraes, che di testa impegna ad un grandissimo intervento Gollini.

La ripresa non cambia il canovaccio della gara, con l’Atalanta in costante trazione offensiva, a caccia del gol del vantaggio. Difatti, l’occasione di Muriel dopo sei minuti, è soltanto il preludio di ciò che avverrà al minuto 66′: Castagne trova un ottimo rimbalzo e con una gran conclusione fulmina Pyatov per l’1 a 0. Dopo check del Var, il signor Felix dà l’ok del gol. Gli orobici non mollano la presa e dopo il rosso ai danni di Dodo per fallo su Freuler, trovano la rete del raddoppio al minuto 80′: Malinovsky decide di calciare un calcio piazzato nell’area piccola, pescato bene Pasalic, che dopo un gran controllo scaraventa in rete. I padroni di casa provano a buttarla sull’orgoglio, cercando il gol del 1-2 prima con Ismaily e poi con Alan Patrick, strepitoso in entrambi i casi Gollini. Nel finale, la gioia orobica si trasforma in festa allo stato puro, quando al 94′ Gosens chiude i conti sfruttando l’errore di Stepanenko.

Prestazione superlativa dell’Atalanta, che conquista una straordinaria impresa. Gara perfetta dei ragazzi di Gasp, che hanno messo tutto: cuore, testa, orgoglio e tanta qualità. Ora è lecito sognare!

PAGELLE

Gollini: 7 Fantastico soprattutto in due interventi nella ripresa. Una sicurezza!

Masiello: 6 Solita prestazione attenta, soffre un po’ la velocità degli attaccanti ucraini. Dal 60′ Malinovsky: 7 A casa sua, gioca una grandissima partita, tiene tanti palloni e poi fa l’assist per il gol di Pasalic.

Djimsiti: 6 Si alza un po’ per iniziare l’azione, ma non ha grande qualità, per il resto è ok.

Palomino: 6,5 Il migliore della linea a tre, attento e arcigno.

Castagne: 7 Gara eccellente del belga, sempre in trazione offensiva e ha il merito di aprire i giochi.

de Roon: 6,5 Cuce e interdisce, solita buonissima prestazione.

Freuler: 6,5 Come il suo compagno di reparto, non tradisce e compie una grande partita di qualità e quantità.

Gosens: 7 Soffre un po’ la velocità di Tetè, poi però chiude tutto al minuto 94′.

Pasalic: 7,5 Il migliore in campo in assoluto, è praticamente dovunque. Segna il raddoppio su una gran palla di Malinovsky.

Gomez: 7 Il papu balla anche in Europa e da capitano guida i suoi verso la qualificazione. Dal 90′ Hateboer: S.V

Muriel: 6 Nel primo tempo potrebbe spaccare subito il match ma pecca di altruismo e scarsa precisione.

Gasperini: 7 Gasperson ci credeva sin dalla vigilia e ha raggiunto il suo obiettivo. Ora è indelebilmente nella storia del club.

Dichiarazioni post match Gasperini

“Orgoglioso di questi ragazzi, abbiamo fatto una grandissima partita contro una squadra molto forte. Anche sul 3 a 0 non stavo tranquillo ma sentivamo di fare la storia. Abbiamo comunque sofferto, non dimentichiamocelo”

Fonte foto: getty images

Sandro Caramazza

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.