Home News Un’altra stella del firmamento blaugrana: il Barcellona si gode Ansu Fati

Un’altra stella del firmamento blaugrana: il Barcellona si gode Ansu Fati

0

Due gol dopo sole tre giornate, è stato il più giovane calciatore a segnare coi catalani. Il Barça ha il suo nuovo fenomeno, sulle orme di Leo Messi

Probabilmente un impatto del genere non se lo aspettava nemmeno lui. Il Barcellona di questo inizio stagione, infatti, ha un nome ed un cognome, e non è quello di Leo Messi. La nuova stella del firmamento blaugrana si chiama Ansu Fati. Classe ’02, guineano, attaccante esterno e già completo. Sta polverizzando record su record il 16enne cresciuto nella Masia. Dopo essere stato il più giovane debuttante con la maglia del Barça in Liga, è diventato anche il marcatore più precoce, a soli 16 anni e 304 giorni, meglio della Pulce. Da sogno la prima volta, in trasefrta contro l’Osasuna alla terza giornata (gara finita 2-2). Si è ripetuto il turno successiva, aprendo le marcature contro il Valencia e fornendo anche un assist. E sebbene il Barcellona non stia brillando in questo inizio di campionato, i tifosi non possono certo rimpiangere il mancato ritorno di Neymar, perchè una stella luminosa si sta abbattendo sul pianeta calcio.

Condivide l’attacco con Messi, suo idolo. Seppur con le dovute proporzioni, il talento guneano, nella storia che ha alle spalle ricorda l’argentino. Un’infanzia difficile, contrassegnta da problemi ai piedi e dalla rottura, a 12 anni, di tibia e perone . Nel 2012 Monchi lo scartò dal Siviglia dopo aver scoperto la trattativa col Barcellona. In blaugrana ci arriva presto, dopo infortuni e problemi burocratici per il trasferimento. A differenza dei suoi predecessori, però, non incanta nella Masia. Fondamentale per lui l’incontro con Victor Valdes, che nel frattempo era diventato tecnico dell’Under 19. Nell’ex portiere Fati trova una guida tecnica ma anche di vita. Una salita ripida, dura e strenuante. Ma alla fine ce l’ha fatta. In 20 giorni si è preso il Barcellona, dimostrando di essere all’altezza. Le qualità sono eccelse, la personalità anche meglio. Il ragazzo guineano sembra aver tutto per essere l’ennesima scommessa vinta di una filosofia, quella del Barça, che continua a far scuola.

Presa la Spagna, ora bisogna prendersi l’Europa. Fati è chiamato all’esordio internazionale. Valverde se lo coccola, vede in lui il piglio del fenomeno ma sa perfettamente che, a quell’età, ogni mossa può essere cotroproducente. L’esame che attende i catalani all’esordio in Champions non è dei più semplici, in casa del Borussia Dortmund. E se a 16 dovesse dimostrare di avere le spalle larghe anche fuori dai confini nazionali, allora siamo davanti ad un potenziale campione.

Federico Leoni

fonte foto: elmon.cat

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.