Home News Una settimana nel pallone: il meglio e il peggio del calcio da...

Una settimana nel pallone: il meglio e il peggio del calcio da zero a dieci

1

Nona puntata della rubrica dedicata a statistiche, curiosità e stranezze accadute in campo e fuori. Dal paracadutista atterrato durante Sassuolo – Inter passando per l’addio agli USA di Rooney, per l’ennesimo traguardo di Guardiola e per un Nagatomo inedito: scoprite i protagonisti e i momenti che resteranno indelebili

Zero: le reti realizzate sabato in Bournemouth – Norwich. Erano le uniche squadre ancora incapaci di tenere inviolata la propria porta in questa Premier League. Al Dean Court le due compagini hanno deciso di raggiungere insieme questo traguardo. A braccetto

Unoil protagonista -a sorpresa- di Sassuolo – Inter. Al 43’ del primo tempo il paracadutista Antonio Marino è atterrato sul Mapei Stadium. Il 36enne, intervistato da Il Resto del Carlino, ha rivelato che l’accaduto non è stato frutto della goliardia ma di una situazione di emergenza. Crediamogli. Oggetto volante identificato.*

Due: le trasferte di Champions League che verranno negate agli affezionati dell’Ajax. La squalifica è conseguenza dei disordini creati contro il Valencia al Mestalla (2 ottobre). Un supporter che aveva già acquistato biglietto, volo e alloggio per il match contro il Chelsea (5 novembre) non si è dato per vinto e attraverso un tweet ha chiesto al Leyton Orient, club di League Two, di poter ospitare nel proprio stadio tutti i tifosi lancieri nella sua stessa situazione (2000) per assistere alla gara dei londinesi contro l’Under 21 del Brighton. Piano di riserva.

Tre: i mesi di stop per Cristante a causa del distacco del tendine dell’adduttore destro patito contro la Sampdoria. Fonseca può attualmente contare solo su 15 giocatori (a centrocampo l’unico di ruolo è Veretout) e deve registrare il 14esimo infortunio stagionale.** Sono dolori.

Quattro: i minuti di protesta dei giocatori del Veracruz durante il match di campionato contro il Tigres. I messicani, scontenti per i salari non pagati, in questo lasso di tempo sono rimasti fermi. Gli avversari non si sono impietositi e ne hanno approfittato per segnare due reti (Vargas e Gignac), fondamentali per il successo (3-1 il finale). Approvvigionamento

Cinque: il numero di maglia che avrà dietro le spalle Yuto Nagatomo nell’episodio speciale dell’anime Capitan Tsubasa (in Italia conosciuto come “Holly e Benji”) che in Giappone andrà in onda il 3 novembre e nel quale il terzino interpreterà se stesso. Formato “cartone”.

Sei: le reti complessive siglate nel quarto di finale dei playoff di MLS tra Toronto e DC United (5-1). A fare notizia è stato Wayne Rooney: il centravanti, complice l’eliminazione della squadra di Washington, a fine incontro ha dato l’arrivederci agli Stati Uniti. A gennaio passerà al Derby County per ricoprire il doppio ruolo di giocatore-membro dello staff tecnico. Goodbye.

Sette: i giocatori che, alle dipendenze di Guardiola, hanno siglato almeno 50 marcature. Gabriel Jesus è l’ultimo a esserci riuscito. Ecco la lista di chi lo ha preceduto e il totale dei loro sigilli sotto la gestione del catalano: Messi 211 (Barcellona); Aguero 103 (Man. City); Muller 79 (Bayern); Sterling 67 (Man. City); Lewandowski 67 (Bayern); Pedro 58 (Barcellona). Offensivo

Otto: i turni di Serie A in cui Aurelio Andreazzoli è stato allenatore del Genoa. Dopo quattro punti nelle prime due uscite il Grifone ha smesso di volare (un pareggio e cinque debacle) e ora si trova impantanato in penultima posizione. Preziosi ha individuato in Thiago Motta, grande ammiratore di Guardiola e teorico del 2-7-2***, il suo successore. Rivoluzionario

Nove: le squadre racchiuse in due punti nella classifica della Bundesliga; dalla capolista Mönchengladbach, a pari punti (16) con la sorpresa Wolfsburg, fino al Leverkusen (14). Vicini vicini.  

Dieci: gli anni trascorsi dal primo sigillo da professionista di Marco Calderoni. In quell’occasione (Pisa – Piacenza 1-3) la marcatura contribuì a garantire la salvezza degli emiliani all’epoca allenati da Stefano Pioli. Questa volta il tecnico, nel giorno del proprio compleanno e dell’esordio con il Milan, è stato beffato da un guizzo del terzino al 92’. Dare e togliere

* L’intervista completa: https://www.ilrestodelcarlino.it/reggio-emilia/cronaca/paracadutista-1.4844949 

** Scopri la successione degli infortuni https://sport.sky.it/calcio/serie-a/2019/10/20/roma-infortunati-stagione-2019-2020#02

*** Per approfondire l’idea di calcio di Thiago Motta leggi https://sport.sky.it/calcio/serie-a/2019/10/22/thiago-motta-modulo-2-7-2 e guarda https://video.gazzetta.it/da-radu-pinamonti-ecco-2-7-2-thiago-motta-genoa/33e01230-f4ba-11e9-8a9d-23c861ca6a6d

Leggi tutte le puntate della rubrica per scoprire altre statistiche, curiosità e stranezze del mondo del calcio

Paolo A.G. Pinna

Fonte foto: Interris.it

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.