Home News Torino-Napoli 0-0, bicchiere mezzo vuoto per Ancelotti: analisi e pagelle

Torino-Napoli 0-0, bicchiere mezzo vuoto per Ancelotti: analisi e pagelle

0

Finisce a reti inviolate la sfida del Filadelfia, risultato giusto e primo pareggio per entrambe le squadre in campionato. Gli azzurri perdono l’occasione di avvicinarsi al vetta

TORINO – Nonostante due attacchi molto prolifici, Torino-Napoli finisce 0-0. Una gara che prometteva gol e spettacolo e invece di emozioni ce ne sono state pochissime. Un’occasione persa soprattutto per i campani, che potevano approfittare del derby d’Italia tra Inter e Juventus.

Mazzarri, regolarmente in panchina con il vice Frustalupi (erano squalificati, ma il Giudice ha accolto il loro ricorso), deve rinunciare a De Silvestri per febbre, così dà fiducia a Laxalt dall’inizio. La spalla di Belotti è l’ex Verdi. Ancelotti con gli uomini contati in difesa, in attacco torna titolare Insigne dopo le polemiche per la tribuna a Genk, ci sono anche Mertens e Lozano con Callejon, Milik e Llorente in panchina.

A Mertens basta un gol per raggiungere le 115 reti di Maradona, ma di occasioni ne arrivano pochissime. Proprio il folletto belga al 23′ tenta un pallonetto che non sorprende Sirigu. Prima dell’intervallo ci prova Ansaldi ma la mira non è delle migliori. Non cambia l’intensità nella ripresa ma al 50′ Rincon è subito pericoloso con un colpo di testa bloccato in due tempi da Meret. Direzione arbitrale impeccabile nel primo tempo per Doveri e l’ottima prova viene confermata anche nel secondo tempo con tre decisioni perfette in avvio di ripresa: al 50′ il direttore di gara annulla un gol a Belotti per fuorigioco. Successivamente nega correttamente due rigori al Torino prima per un contrasto tra Ghoulam e Izzo e poi per un inesistente tocco col braccio di Fabian Ruiz. Nonostante il secondo miglior attacco in Serie A, il Napoli fatica a costruire occasioni pericolose e Ancelotti decide di aumentare il peso dell’attacco con l’ingresso in campo di Llorente. E l’ex Tottenham è subito pericoloso ma impreciso con un colpo di testa a botta sicura da posizione favorevole. Nel finale di partita Mazzarri si gioca la carta Iago Falque, all’esordio stagionale e autore dell’ultima conclusione verso la porta difesa da Meret, bravo a bloccare senza problemi. Finisce giustamente 0-0, il primo pareggio in campionato per entrambe le squadre.

Commento. Era lecito aspettarsi di più, soprattutto dal Napoli che poteva approfittare di Inter-Juventus per avvicinarsi alla vetta. L’impressione è che Ancelotti non abbia una gerarchia precisa in attacco, dove i continui cambiamenti non sembrano giovare a nessuno. Bicchiere mezzo pieno per i granata, che durante la sosta devono recuperare il migliore Iago Falque, oltre che Verdi (comunque in crescita) per aumentare la fantasia a supporto di Belotti.

Ancelotti: “Lotteremo ancora per lo scudetto”
Non fa drammi il tecnico azzurro dopo lo 0-0 a Torino: “La nostra classifica piange ma vogliamo continuare a lottare per lo scudetto. Inter-Juventus? Non cambierà nulla, sarà una partita bella da vedere”. Sulla prestazione contro i granata: “Siamo stati troppo timidi nel momento in cui dovevamo concretizzare quanto creato. A inizio stagione siamo stati letali sotto porta manifestando qualche lacuna in difesa. Ora è il contrario: siamo solidi dietro e poco concreti in zona gol”.

Pagelle Napoli
Meret 6,5: presenti nelle poche occasioni in cui è stato chiamato in causa.
Di Lorenzo 6,5: il migliore dei suoi, spinta costante.
Manolas 6,5: attento e preciso pur non essendo al top fisicamente.
Luperto 6,5: dimostra personalità e non fa rimpiangere Koulibaly.
Hysaj 6: costretto al cambio al 34′ per un brutto scontro con Ansaldi, per fortuna sta bene (al 34′ Ghoulam 6: copre bene le iniziative degli avversari).
Ruiz 5: lontano parente di quello di inizio stagione, suonano i primi campanelli d’allarme.
Allan 6: senza infamia e senza lode, bel duello nella ripresa con Meite.
Zielinski 5,5: uno dei pochi a provarci dalla distanza, dovrebbe aggiustare la mira.
Lozano 5: fa rimpiangere Callejon, forse la peggiore prestazione da quando è al Napoli (dal 61′ Callejon 5,5: meglio del messicano, ma poco pericoloso).
Mertens 5,5: vivace nel primo tempo, cala nella ripresa.
Insigne 5: chi l’ha visto? Giustamente sostituito (dal 67′ Llorente 5,5: ci prova di testa, ma non dà la scossa).
Ancelotti 5,5: è vero che ha una rosa lunga, ma la sensazione è che non stia gestendo al meglio il turnover.

Fonte foto: sport.sky.it

Francesco Carci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.