Home News Torino – Fiorentina 1-1

Torino – Fiorentina 1-1

0
CONDIVIDI
TURIN, ITALY - OCTOBER 27: Ola Aina (L) of Torino FC scopres a goal during the Serie A match between Torino FC and ACF Fiorentina at Stadio Olimpico di Torino on October 27, 2018 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

I granata fanno la partita ma non riescono a trovare il successo

I padroni di casa sono reduci da quattro risultati utili consecutivi (due vittorie ed altrettanti pareggi). La rimonta subita domenica scorsa dal Bologna (2-2) ha fatto riemergere debolezze che sembravano superate con l’arrivo in panchina di Mazzarri. Nel 3-5-2 di partenza la coppia d’attacco sarà Iago Falque-Belotti. Il n°9 deve ritrovare la verve di un tempo (finora in campionato ha siglato 2 reti in 9 partite).

Gli ospiti in classifica hanno un punto di vantaggio sui rivali: il successo manca da quasi un mese (2-0 al Franchi contro l’Atalanta). Pioli lascia in panchina Simeone e Pjaca che erano stati tra i più criticati dopo la gara pareggiata contro il Cagliari sei giorni fa (1-1). Fra gli undici titolari non ci sarà una prima punta: Mirallas ricoprirà il ruolo di “falso nove” e sarà affiancato da Chiesa ed Eysseric.

La partita si accende dopo pochi secondi: cross da destra di Chiesa, De Silvestre incespica goffamente sul pallone e “libera” Benassi che non fallisce a tu per tu con Sirigu. L’1-0 dura pochi giri d’orologio: al 13’ Aina semina il panico sulla sinistra, entra in area, supera Milenkovic e rientrato sul destro calcia. La palla dopo essersi stampata sul palo colpisce la schiena di Lafont e supera in modo beffardo la linea di porta. Dopo un inizio di gara a tinte viole, sono i granata a prendere le redini dell’incontro ma non riescono ad approfittare della supremazia territoriale e alla mezz’ora perdono il proprio condottiero, Mazzarri, espulso per proteste veementi. Aina è il più propositivo tra i padroni di casa mentre tra i giocatori avversari emerge il talento di Chiesa ma i due non bastano per permettere alle rispettive squadre di passare in vantaggio.

All’ inizio della ripresa si registrano due cambi per gli ospiti: Simeone e Gerson rilevano rispettivamente Eysseric ed Edimilson Fernandes. Nonostante queste sostituzioni sono sempre i ragazzi di Cairo, sotto la pioggia che cade sul “Grande Torino”, a fare la partita. Al 67’ Falque, con una punizione dalla destra, prova ad imbeccare Belotti ma l’attaccante di Calcinate fallisce la zampata vincente. Cinque minuti dopo è ancora lo spagnolo ad essere protagonista: tiro a giro dal limite dell’area e opposizione vincente di Lafont. All’81’ si rende pericolosa la viola: Simeone e Mirallas scaldano i guantoni di un ineccepibile Sirigu. Nel finale le due compagini appaiono stanche e dopo il triplice fischio il punteggio è 1-1.

I padroni di casa per quanto mostrato durante i 90 minuti avrebbero meritato la vittoria. Belotti, con sulle spalle il peso della pressione, non riesce a riscattare questo mesto inizio di stagione: Zaza scalpita in panchina e Mazzarri la prossima settimana potrebbe premiarlo affidandogli una maglia da titolare. Note liete Aina e Meitè.

Gli ospiti non hanno mostrato l’atteggiamento sperato dai tifosi. Continua l’involuzione nel gioco e nei risultati degli uomini di Pioli oggi deficitari a centrocampo e incapaci di reggere la fisicità del roccioso centrocampo del Torino. Simeone, come il collega Belotti, sta vivendo un periodo di grande difficoltà. L’esclusione dai titolari e il suo ingresso nel secondo tempo non hanno fatto scattare la reazione,per lo meno rabbiosa, che ci si saremmo potuti aspettare.

Paolo A.G. Pinna
Fonte foto:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.