Home News Sport virtuali, dal fantacalcio alle nuove frontiere delle competizioni come gli e-sport

Sport virtuali, dal fantacalcio alle nuove frontiere delle competizioni come gli e-sport

0

La quantità di intrattenimento che accompagna il mondo del calcio è in costante aumento

Tra film biografici, racconti e storie delle vite dei campioni più amati e più discussi dello sport più seguito al mondo, l’offerta di contenuti a tema calcistico non è più limitata solo alle partite e non si tratta solo di intrattenimento passivo, inteso come cose semplicemente da guardare, ma anzi, le offerte di giochi e altre forme di contenuti interattivi sul mondo del calcio sono ad un picco storico a livello di successo. Grazie alle innovazioni tecnologiche, videogame di vario genere stanno popolando ogni tipo di dispositivo che abbiamo a disposizione, seguendo il successo degli sport, consentono ai tifosi di tutto il mondo di estendere la loro passione su attività interattive come il fantacalcio o gli e-sport. 

Il fantacalcio e i fantasy-sport

Molti di noi avranno sicuramente partecipato ad un campionato di fantacalcio con gli amici. Si organizza un’asta per accaparrarsi i giocatori migliori della Serie A e una volta completate le rose, si procede a consegnare la formazione ufficiale prima dell’inizio della giornata poi una volta terminata si calcola il punteggio in base a regole e criteri prestabiliti.

C’è chi sceglie di giocare utilizzando bonus e malus sommati ai voti di un quotidiano sportivo come La Gazzetta dello Sport o Il Corriere dello Sport e chi utilizza delle app o versioni online che si basano solo ed esclusivamente su statistiche e bollettini post-partita.

Il fantacalcio non è l’unico gioco che trae ispirazione da un vero e proprio sport per far competere tifosi e appassionati di vario genere usando statistiche e fanta-squadre. 

La popolarità crescente della NBA, il campionato di basket americano, ha fatto crescere la popolarità del Fantasy-NBA anche in Italia e proprio la pallacanestro, viste le molte statistiche presenti nel cosiddetto Box-Score di fine gara, si presta perfettamente per essere un fantasy sport.

Per rimanere sempre negli Stati Uniti d’America, il fantasy sport più popolare è sicuramente il Fantasy Football, versione fantasy del campionato di football americano NFL, che è di gran lunga il fantasy sport più popolare tra gli appassionati di sport in territorio statunitense, ma sono presenti ovviamente corrispettivi fantasy anche della MLB di baseball e della NHL di hockey su ghiaccio.

I fantasy sport danno a chi ci gioca l’opportunità di essere allenatori, direttori sportivi o general manager di una squadra composta da giocatori reali e le performance della fantasquadra riflettono le prestazioni reali di ogni giocatore in rosa, raddoppiando di fatto l’interesse per gli appassionati di sport che guardano i loro beniamini competere settimanalmente.

E-Sport

Il termine e-sport non è esattamente un sinonimo di videogioco. Sono diverse le discipline che nella loro versione online possono essere considerate un e-sport e la definizione può risultare in alcuni casi ambigua. 

Sappiamo che la popolarità di queste competizioni virtuali è in costante aumento e sta raggiungendo un livello tale che guardare questi videogiocatori competere tra di loro è diventato una vera e propria forma di intrattenimento.

Il numero di spettatori è in aumento e questo fenomeno in espansione ha fatto nascere un vero e proprio mercato di intrattenimento, che tra videoconferenze, tornei e molti altri eventi sta generando sempre più consensi ed interesse.

Per molte persone competere in un e-sport è diventato un vero e proprio mestiere, con allenamenti quotidiani, partecipazioni a tornei che prevedono compensi in denaro e addirittura contratti di sponsorizzazione per indossare merchandising specifico durante i tornei in questione.

In conclusione

La popolarità crescente degli sport virtuali, dal fantacalcio agli e-sport è probabilmente dovuta alla decisamente maggiore accessibilità a potenti dispositivi. I nostri smartphone hanno capacità di calcolo che fino a qualche decennio fa erano sostenibili solamente da computer e in aggiunta, viviamo in un’era in cui è più facile condividere informazioni e contenuti, grazie principalmente alle piattaforme social, che attraverso il loro effetto network riescono ad ingigantire fenomeni come questi, rendendoli “mainstream”.

Per chi temesse ragionevolmente che queste esperienze possano essere alienanti, c’è la consolazione del fatto che il sollievo che una serata passata con degli amici a ridere e scherzare, a giocare a carte insieme o a bowling, a calcetto o semplicemente a condividere una cena insieme, sarà sempre l’esperienza di network per eccellenza.

Articolo precedenteBaggio allo specchio con l’arcivescovo Ravasi
Prossimo articoloFratelli Maradona, due destini incrociati
Giornalista e laureato in Scienze della Comunicazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.