Home News Serie A, Napoli Brescia 2-1, Mertens e Manolas danno i tre punti...

Serie A, Napoli Brescia 2-1, Mertens e Manolas danno i tre punti ad Ancelotti. Analisi e pagelle

1

Azzurri molto bene nel primo tempo dove chiudono sul doppio vantaggio, nella ripresa soffrono il ritorno degli ospiti

Successo del Napoli nella sfida interna contro il Brescia per 2 a 1. Decisive le reti di Mertens e Manolas, nelle rondinelle primo gol per Balotelli. Tre punti a fatica ma fondamentali per i ragazzi di Ancelotti, ora testa a mercoledì per il match di Champions contro il Genk.

Ancelotti ne cambia tre rispetto alla sconfitta in extremis contro il Cagliari, fuori lo squalificato Koulibaly, Meret e Insigne, dentro Maksimovic, Ospina e Llorente.

Nelle fila degli ospiti, due cambi rispetto alla sfida di martedì contro la Juve, non ci sono Mateju e Romulo, presenti, invece, al loro posto Martella e Spalek.

PARTENOPEI SUL VELLUTO

Se i primi dieci minuti di primo tempo vedono un Brescia abbastanza intraprendente e con un’ottima personalità, i restanti 35 diventano un quasi monologo partenopeo. Il match si sblocca al minuto 13’: grande suggerimento di Fabian Ruiz per Callejon, che dalla destra mette un assist al bacio per Mertens, che da pochi passi non può sbagliare, insaccando l’1 a 0. Per il belga, 114’esimo gol con la maglia azzura, a meno uno da Maradona. Le rondinelle faticano a uscire e in pochi minuti rischiano il tracollo prima con Llorente, che dopo una bell’azione tutta di prima con Mertens e Allan, viene bloccato in angolo da Joronen, e, poi, con Manolas, che si vede annullare giustamente un gol per un tocco di braccio dopo un corner dalla destra (bene il Var a richiamare il signor Manganiello). La pressione del Napoli si trasforma presto in gestione e controllo del match e per rivedere un’occasione degna di nota bisogna aspettare il minuto 38’, quando ancora Mertens sfiora la rete del raddoppio su suggerimento di Llorente. Proprio sul finire della prima parte di gioco arriva, però, il 2 a 0 dei padroni di casa: corner lungo di Callejon, spizzata di Ghoulam e tap-in di Manolas, che stavolta può festeggiare tranquillamente.

TRE PUNTI IN SACCOCCIA MA QUANTA FATICA

Ripresa divertente ed emozionante fino alla fine quella del San Paolo, grazie soprattutto ad un Brescia totalmente rigenerato dall’intervallo. La squadra di Corini ha, infatti, tutto un altro piglio rispetto a quello dimostrato nella gran parte del primo tempo. Il primo squillo dalle parti di Ospina arriva al minuto 48’ con Balotelli, che su punizione dalla lunga distanza trova la buona risposta del portiere colombiano. Le rondinelle aumentano i giri del motore e due minuti più tardi tuonano con Sandro Tonali, che riceve palla sulla trequarti e con un gran collo destro insacca la rete che riapre i giochi. La gioia del gol dura però meno di dieci secondi perché Manganiello richiamato ancora una volta al Var annulla tutto per fallo precedente di capitan Bisoli su Maksimovic. Il possibile vantaggio ospite preoccupa i ragazzi di Ancelotti, che al quarto d’ora riprendono a giocare, andando vicino al terzo gol prima con Allan e poi con Mertens, che davanti il portiere spreca tutto calciando sull’esterno della rete. La dura legge del football non si fa attendere e al minuto 67’ il gol mangiato dal belga si trasforma in gol subito: corner di Tonali dalla destra e grande spizzata di Balotelli, che accorcia le distanze trovando il primo gol stagionale. Il Brescia non molla e con personalità prova addirittura a pareggiarla ancora con SuperMario, che su calcio piazzato sempre di Tonali schiaccia male un’invitante occasione. L’ultima palla-gol è di marchio azzurro con Elmas, che al 96’esimo la prova a chiudere con una giocata pazzesca dalla sinistra, sprecata da una conclusione poco precisa. Il match termina dopo 7 minuti di recupero sul punteggio di 2 a 1 per il Napoli.

Match a due facce quello degli azzurri, che ad un ottimo primo tempo risponde con una ripresa abbastanza sottotono. Comunque, nonostante le difficoltà dovute ad un Brescia molto in palla, i partenopei portano a casa tre punti fondamentali. Bene Mertens, ora Diego è veramente ad un passo (un gol).

Rondinelle che tornano a casa con il bottino vuoto ma consapevoli di aver disputato un’ottima partita, soprattutto nel secondo tempo. Balotelli ritrova la rete dopo in A dopo 1468 giorni, ultima marcatura datata 22 settembre 2015.

PAGELLE

Ospina: 6 Spettatore non pagante nel primo tempo, decisamente più impegnato nella ripresa. Pecca di un’uscita al gol del 2 a 1 del Brescia

Di Lorenzo: 6,5 Ottima prestazione dell’ex empolese, che fa a botte sportivamente parlando con Balotelli, tenendo abbastanza bene.

Maksimovic: 6,5 Buona prestazione del sostituto di Koulibaly quasi mai in difficoltà nel primo tempo. Nella ripresa non delude, esce per infortunio a 15 minuti dal termine. Dal 75’ Hjsay: 6 Fa il suo senza grandi difficoltà

Manolas: 6,5 Bene anche il greco che segna due volte ma soltanto la seconda è da convalidare. Nella ripresa esce per infortunio. Dal 65’ Luperto: 5,5 Soffre Balotelli e la sua fisicità

Ghoulam: 6 Buon primo tempo, si perde però SuperMario sul gol del Brescia.

Zielinski: 6,5 Solita classe del centrocampista polacco, ha anche possibilità di far gol ma pecca di precisione.

Allan: 7 Si rivede il vecchio Allan, giocatore fantastico che picchia, dribbla e crea. Indispensabile per il Napoli

Fabian Ruiz: 7 Probabilmente il centrocampista più forte del campionato, oggi regala un’altra perla dei suoi inventando per il primo gol azzurro

Callejon: 7 Altra gara di carattere e qualità dell’esterno spagnolo. Suo il delizioso assist per Mertens

Mertens: 7,5 Primo tempo da fenomeno del furetto belga, che manda più volte in tilt la retroguardia avversaria, segna e cerca di far segnare. Campione!

Llorente: 6,5 Altra buona partita del Navarro, che va vicino alla rete in più di un’occasione. Dal 73’ Elmas: 6,5 Un giocatore veramente forte che alterna al meglio sia la fase difensiva che quella offensiva, sul finale per poco non fa cadere giù il San Paolo.

Ancelotti: 6,5 Gira bene i suoi ragazzi, voleva una reazione dopo il ko di mercoledì e l’ha trovata. C’è ancora da lavorare sui calci piazzati.

Dichiarazioni post-match Ancelotti

“Ottima partita dei ragazzi, il calo nella ripresa è stato dovuto alla poca lucidità. Meret e Ospina sono due portieri di sicuro affidamento sia per qualità che per esperienza. Dobbiamo migliorare sui calci piazzati e anche sulla condizione. Maksimovic e Manolas? Bisogna valutarli”.

Fonte foto:Getty Images

Sandro Caramazza

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.