Home News Se Atene piange, Sparta non ride

Se Atene piange, Sparta non ride

0
L'addio di De Rossi alla Roma, la situazione attuale del Siviglia di Monchi

Destini incrociati per Roma e Siviglia, seste nei rispettivi campionati e con un piede fuori dalla Champions

Se Atene piange, Sparta non ride. Nei giorni in cui la Roma si interroga sul suo futuro con il pesante macigno sulla schiena legato all’addio di De Rossi, il Siviglia, ex squadra del direttore sportivo Monchi, rischia seriamente di chiudere il campionato senza un piazzamento in Champions League. La squadra allenata da Caparros è reduce da un pareggio per 1-1 sul difficile campo dell’Atletico Madrid, risultato che lascia gli andalusi a due punti di distanza da Valencia e Getafe.

Alla vigilia dell’ultima giornata di campionato lo scenario che attende il Siviglia non è affatto roseo. Ben Yedder e compagni devono infatti sperare in un simultaneo capitombolo delle due squadre che la precedono e… fare il suo dovere, ovvero battere l’Athletic Bilbao che dal canto suo deve mettere al sicuro la qualificazione ai preliminari di Europa League. Anche solo un pareggio di una tra Valencia o Getafe vorrebbe dire addio Champions. Perchè? Il Siviglia è messo male negli scontri diretti con entrambe le formazioni, a testimonianza degli improvvisi black out accusati nell’arco della stagione. La luce si è spenta anche in Europa League, da sempre il “parco divertimenti” del Siviglia. L’eliminazione agli ottavi contro lo Slavia Praga è stata dura da digerire, così come l’estromissione dalla Copa del Rey per mano del Barcellona: vittoria per 2-0 all’andata e umiliazione (1-6) al Camp Nou. Adiòs.

Strano il destino che accomuna Monchi e la Roma, ovvero il suo passato recente. Entrambi sono sesti nei rispettivi campionati, Liga e Serie A, senza essere padroni del loro destino perchè costretti a sperare nei passi falsi altrui. Chi è causa del suo mal, avendo buttato via punti su punti, può piangere solo sè stesso.

Pur lontano dalla Capitale, il DS spagnolo è stato “nominato” da Daniele De Rossi. “Monchi mi aveva rassicurato sul mio rinnovo di contratto ma poi è andato via“. Senza portare a termine un progetto che immaginava ben diverso, di certo senza aver lasciato una traccia positiva della sua permanenza in giallorosso. A restare, a Roma come in Andalusia, sono le nubi sul presente e sul futuro. Già, perchè se Atene piange, Sparta non ride affatto.

Fonte foto: calcionews24.com

Federico Vitaletti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.