Home News Sassuolo-Parma finisce a tagliatelle e vino: 0-0 e tutti contenti

Sassuolo-Parma finisce a tagliatelle e vino: 0-0 e tutti contenti

1

Sfida dominata da un sostanziale equilibrio, emozioni col contagocce e squadre poco motivate. Nel primo tempo Ceravolo fallisce un calcio di rigore

È derby emiliano in questa domenica di Serie A, al Mapei Stadium di Reggio Emilia si affrontano Sassuolo e Parma.

Due squadre che sembrano non aver più nulla di particolare da chiedere al campionato, i neroverdi sono 3 punti sopra i ducali e vogliono forse vincere solo per ribadire la propria supremazia.

De Zerbi presenta i suoi con il consueto 4-3-3 dinamico e pungente, in avanti Berardi e Boga agiscono ai lati del “mitra” Matri. D’Aversa risponde con un modulo speculare, in attacco punta tutto sul tridente atipico Siligardi-Ceravolo-Kucka.

Primo quarto d’ora in balia della noia, solo al 16’ Berardi si fa vivo con una conclusione che non spaventa Sepe.

Piace a centrocampo la regia di Locatelli per i padroni di casa, dall’altra parte Gagliolo e Iacoponi sembrano in giornata positiva e non fanno rimpiangere Bruno Alves.

Al 38’ l’episodio che potrebbe sbloccare la gara: dopo lungo consulto VAR viene concesso un rigore al Parma per fallo in area neroverde. Dal dischetto si presenta Ceravolo, ma Consigli si dimostra ancora una volta un pararigori. Risultato fermo sullo 0-0 e, senza ulteriori sussulti, si conclude la prima frazione.

Nella ripresa D’Aversa lancia Gervinho al posto dell’inconsistente Siligardi, ma è il Sassuolo a rendersi subito pericoloso, prima con un colpo di testa di Peluso e poi con una conclusione fastidiosa di Mimmo Berardi.

Al 55’ il Parma deve fare a meno di Rigoni per infortunio, al suo posto Sprocati, De Zerbi replica con l’inserimento del gioiellino Sensi per il disordinato Bourabia.

I padroni di casa dominano con un possesso palla che tocca punte del 73%, ma l’attacco risulta piuttosto sterile; gli ospiti non sembrano invece interessati a scoprirsi alla ricerca del successo, ripiegando comodamente sulla difesa del pareggio.

Il Sassuolo prova ad aumentare il carico offensivo con l’ingresso, al 73’, di Babacar per Matri.

Sensi e Locatelli dialogano benissimo nello stretto e il numero 12 si produce in un paio di conclusioni che impensieriscono Sepe. D’Aversa alza allora le barricate e fa uscire uno stremato Ceravolo, in favore del roccioso Bastoni.

Ultime fasi di gioco a dir poco soporifere e, al 94′, Piccinini dichiara concluse le ostilità. Il match termina sullo 0-0.

Molto bene il Sassuolo di De Zerbi nella costruzione del gioco, ma questa non è una novità. Davanti si potrebbe (e si dovrebbe) far di più, Berardi ha smarrito la freddezza sotto porta e Boga è ancora acerbo.

Così così il Parma di D’Aversa. Ottimo in fase difensiva, ma pressoché inesistente in quella offensiva. Ceravolo è una discreta punta…per la Serie B.

Antonio Soriero

(Fonte dell’immagine: tuttocalcionews.it)

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.