Home News Rebus Inter, Conte va o resta

Rebus Inter, Conte va o resta

0

In caso di partenza del tecnico leccese, la panchina nerazzurra dovrebbe essere affidata ad un altro ex Juve, ovvero Massimiliano Allegri

Ogni minuto potrebbe essere quello decisivo per il futuro dell’Inter, con la disputa Conte-Zhang pronta a regalare colpi di scena da un momento all’altro. La stagione dei nerazzurri si è conclusa nel peggiore dei modi, ovvero con una sconfitta in finale di Europa League, che ha fatto segnare un ulteriore +0 sulla bacheca dei trofei.

A mettere benzina sul fuoco ci ha pensato, comunque ancora una volta, mister Conte, nuovamente in versione “leader d’opposizione”, che nel fine gara di Inter-Siviglia ha ripreso da dove aveva finito lo scorso 2 agosto. La svolta decisiva dovrebbe essere già nelle prossime ore e gli scenari sono plausibilmente 2: andare o rimanere.

IN CASO DI PERMANENZA

Se vogliamo guardare in ottica bookmakers, in questo momento la permanenza del tecnico leccese ha probabilmente la quota più alta, viste le tantissime voci che danno quasi per certo il trasferimento di Conte da Milano. In caso di matrimonio prolungato, il rapporto comunque tra Inter e Conte risulterà certamente cambiato. I nerazzurri, in primis, non potranno accontentare Conte in maniera così esosa come fatto lo scorso anno, sia perché la squadra non lo richiede, sia perché il Covid si è fatto sentire anche per le casse cino-nerazzurre.

L’Inter ha già preso Hakimi e acquistato definitivamente Sanchez, mentre in questi ultimi giorni chiuderà anche per il gioiello azzurro Sandro Tonali. Gli ultimi tasselli da montare sono quelli riguardanti un esterno sinistro (Emerson in pole), un altro centrale difensivo (Kumbulla sempre presente) e un quarto attaccante con il baby Esposito pronto a farsi le ossa in squadre minori della A. Con una squadra così, sarà difficile continuare a lamentarsi, anche per uno come Conte.

FUORI CONTE DENTRO MAX

L’altro scenario molto probabile è quello di una partenza di Conte e l’arrivo sulla panchina della Beneamata di Max Allegri. Altro ex juventino, altra corsa. In questo caso, il matrimonio tra Inter e Conte dovrebbe finire con le dimissioni di quest’ultimo, in quanto i nerazzurri non avanzerebbero mai una richiesta di esonero, visti i 47 milioni lordi da pagare per altri due anni a lui e allo staff. Dall’altro lato, il possibile arrivo di Allegri non comporterebbe alcuna fine di un progetto, né tantomeno una rivoluzione dal punto di vista tecnico.

Max, infatti, ha dimostrato negli anni di sapersi adattare in qualunque contesto sia stato messo, ribaltando in molti i casi i favori del pronostico. Come quel fatidico 15 luglio 2014, quando avvenne il primo avvicendamento tra Conte e Allegri. L’ex tecnico di Juve e Milan sa, infatti, lavorare al meglio con ciò che trova e soprattutto in un Inter già forte di suo. Gestione, duttilità, flessibilità nei moduli e nei giocatori i suoi punti di forza, ma prima di dare sentenza, meglio attendere ancora qualche ora.

Fonte foto: Huffington Post

Sandro Caramazza

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.