Home News Rangers, caccia aperta al trono di Scozia

Rangers, caccia aperta al trono di Scozia

0
CONDIVIDI

Prosegue la grandissima stagione dei Glasgow Rangers allenati da Steven Gerrard

I Teddy Bears sono tra i protagonisti assoluti della Scottish Premiership, secondi a sei lunghezze dagli arcirivali del Celtic, una macchina perfetta che domina da sette stagioni e si avvia a impadronirsi anche dell’ottava.

L’undici di Brendan Rodgers è ancora il più forte della città, ma il divario si sta sensibilmente riducendo, merito del lavoro svolto dall’ex numero 8 del Liverpool e da una società davvero ambiziosa.

I Rangers infatti non stanno di certo a guardare. Dalle parti di Ibrox si sogna in grande e non si pensa solo a consolidare un ruolo di vertice in patria, ma si programma la creazione di una squadra che, già dalla prossima stagione, possa ben figurare anche in ambito continentale.

Il mercato di gennaio ha regalato nomi di grande qualità, come quelli di Jermain Defoe e Steven Davis. Vero, non due giovani di primissimo pelo, ma sicuramente giocatori di caratura internazionale.

Defoe arriva da un’esperienza in chiaroscuro al Bournemouth, Steven Davis da annate molto positive con il Southampton. Gerrad è intervenuto nelle zone del campo che apparivano maggiormente bisognose di tecnica e dinamismo.

In più ha anche trattenuto i “pezzi pregiati” del suo gruppo, ambiti da mezza Europa: il “razzo” colombiano Alfredo Morelos e il talentuoso Ryan Jack, centrocampista che in Scozia è un vero e proprio idolo.

Dopo la vittoria nella coppa nazionale contro il modestissimo Cowdenbeath , regolato nel proprio stadio con un perentorio 1-3, gli uomini di Gerrard ospiteranno in campionato, nella giornata di domani, il fanalino di coda St. Mirren.

Nel precedente confronto tra i due club, i Rangers avevano ottenuto un’agevole vittoria esterna. Tanto più adesso, ad Ibrox, tutti attendono tre punti facili facili e una pioggia di goal.

Il vero grande successo per il futuro dei blu sarebbe trattenere Stevie in panchina anche per la prossima annata, molto complicato perché la Premier inglese chiama e non sarà facile opporre una convincente resistenza.

Si sa, il sogno di Captain Fantastic è quello di allenare, un giorno, il suo Liverpool. Lì però stanno benissimo, si naviga a gonfie vele con il comandante Klopp. Gerrard potrebbe quindi trascorrere un altro anno nella parte alta del Regno Unito per poi decidere cosa fare “da grande”. Vedremo.

Antonio Soriero

(Fonte dell’immagine: pinterest.it)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.