Home News Petrachi taglia e cuce: il ds a lavoro per sistemare una Roma...

Petrachi taglia e cuce: il ds a lavoro per sistemare una Roma imperfetta

1

Il direttore sportivo giallorosso vuole regalare a Fonseca un centrale di difesa, un esterno d’attacco e un vice-Dzeko. E nel frattempo piazza gli esuberi

Siede sulla scrivania giallorossa da neppure due mesi, e si trova già di fronte ad un bivio importante Gianluca Petrachi. Perchè, semmai ce ne fosse bisogno, l’esordio in Serie A contro il Genoa ha dimostrato che la squadra è incompleta, imperfetta. Manca un degno sostituto di Manolas, quello di El Shaarawy e un centravanti che possa sostituire Edin Dzeko, che di certo non potrà giocarle tutte. La gara contro i liguri ha dimostrato anche che i nuovi arrivi, fin qui, non sono pronti. Fonseca, nell’undici iniziale, ha schierato soltanto Pau Lopez tra i nuovi, lasciando in panchina i vari Mancini, Zappacosta, Veretout e Diawara. Ecco perchè i prossimi giorni saranno decisivi: c’è tempo fino al 2 settembre per riparare una Roma non certo all’altezza.

TANTI PARTENTI – Il lavoro più duro per Petrachi è stato piazzare i “giocatori di Monchi”, spesso ultratrentenni, pagati a peso d’oro e con ingaggi folli. Nzonzi è andato al Galatasaray, Marcano è tornato al Porto. Ai saluti anche Robin Olsen e Gregoire Defrel. Entrambi dovrebbero prendere la rotta per Cagliari, con lo svedese che andrà a sostituire l’infortunato Cragno. L’attaccante francese, invece, è conteso anche dalla Samp con cui ha già un accordo, ma verosimilmente farà compagnia ad Olsen. Partirà in prestito con obbligo di riscatto a 15 milioni. Dopo due anni da dimenticare è ai titoli di coda anche l’esperienza romanista di Patrik Schick, acquisto più costoso della storia ma molto probabilmente anche il più fallimentare. È destinato al Lipsia, resta da vedere se in prestito con obbligo di riscatto o con diritto. Anche Santon è con la valigie in mano, andrà in Spagna al Maiorca. La stessa strada percorsa da Coric, accasatosi all’Almeria in prestito. Più complicata la situazione di Gonalons, per il quale manca un’offerta concreta.

PRONTI 3 ACQUISTI – La priorità, per quanto riguarda il mercato in entrata, è senza dubbio il difensore centrale. In rosa, ormai, ballano due nomi: Daniele Rugani e Dejan Lovren. Per il centrale della Juve la trattativa si è fatta più complessa del previsto, con i bianconeri che lo lasciano partire soltanto in prestito con obbligo di riscatto, più l’aggiunta di due Primavera giallorossi. Anche arrivare al centrale dei Reds, però, non è semplice, con gli inglesi che non scendono dalla valutazione di 20 milioni. La sensazione è che uno dei due possa arrivare comunque, come espressamente richiesto da Fonseca, che se potesse scegliere prenderebbe il croato. Davanti, invece, è pronta una doppia operazione. Dopo l’infortunio di Perotti (out due mesi), il nome forte è quello di Taison dello Shakhtar, anche se non convince a pieno Petrachi per età e costo (20 milioni), con il ds che studia un piano B, magari un giovane. Per il vice-Dzeko, invece, sembra tutto fatto per Kalinic che arriverà in prestito dall’Atletico Madrid con diritto di riscatto a 15 milioni. Si chiuderà una volta formalizzata la cessione di Schick in Germania.

Federico Leoni

fonte foto: footballnews24.com

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.