Home News Napoli vittorioso a Lecce, 1-4 con uno strepitoso Llorente. Analisi e pagelle

Napoli vittorioso a Lecce, 1-4 con uno strepitoso Llorente. Analisi e pagelle

1

Al Via del Mare la gara la vincono i partenopei. Reazione salentina dopo lo 0-3 ma non basta per riaprire il discorso. Doppietta di Llorente

Il Lecce perde la partita del Via del Mare ma non le sue convinzioni. La gara, in questo torrido pomeriggio settembrino condito da un notevole colpo d’occhio, ha evidenziato i limiti evidenti in fase difensiva per i giallorossi, che messi alle strette dalla coppia di attaccanti pesanti di Ancelotti (Milik-Llorente), hanno sopperito di fronte alla qualità e alla fisicità azzurra. Termina 1-4 con le reti di Llorente (doppietta), Insigne e Fabian Ruiz. Per i salentini, rete della speranza firmata Marco Mancosu.

Le scelte iniziali – Liverani propone il solito rombo di centrocampo con Mancosu a fare da trequartista alle spalle di un tandem leggero composto da Farias e Falco.
Ancelotti cambia 6/11 rispetto alla gara col Liverpool e propone Insigne nel tridente con Llorente e Milik.

Lecce 4-3-1-2 – Gabriel; Rispoli, Lucioni, Rossettini, Calderoni; Majer, Tachtsidis, Tabanelli; Mancosu, Falco, Farias.

Napoli 4-4-2 – Ospina; Malcuit, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Zielinski, Elmas, Fabian Ruiz, Insigne; Milik, Llorente.

Il film della partita – Inizia al minuto 28 la girandola di emozioni sotto porta, quando Llorente approfitta di un rimpallo per insaccare col sinistro a tu per tu con Gabriel. E’ 1-0.
Al minuto 40, il signor Piccinini concede il penalty per gli azzurri causato da un tocco di mano evidente di Panagiotis Tachtsidis. Insigne si fa parare il rigore da Gabriel che però è colpevole di essersi mosso irregolarmente prima che il pallone fosse partito dal dischetto. Il secondo tentativo è quello buono, 2-0 al riposo.
Il copione non cambia alla ripresa delle ostilità tant’è che al minuto 52 Fabian Ruiz apre il piattone dal limite e fa 3-0 con un sinistro perfetto. Quando sembra che la partita sia finita, la riapre il capitano Mancosu che sfrutta un’ingenuità di Ospina che frana sull’avversario e concede il penalty, poi trasformato dallo stesso Mancosu.
Tabellino che viene fissato definitivamente da Fernando Llorente che oggi più che mai è stato freddo sotto porta, 4-1 finale.
All’ultimo secondo, Lapadula avrebbe l’opportunità di rendere meno salato il conto all’uscita ma spedisce a lato di Ospina.

Ancelotti, tecnico azzurro, si è espresso così nel dopo gara: “Llorente-Milik promossi. La Juve è ancora in via di definizione, l’Inter invece è già formata e con maggiori certezze”.

Le pagelle degli azzurri
Ospina 5,5 Causa il rigore ai leccesi ma si rifà con una parata impegnativa sul finale di gara.
Malcuit 6, bravo a salire un po’ meno bravo a scendere per aiutare la difesa, promosso con riserva.
Maksimovic 6, si limita al compitino.
Koulibaly 7, giganteggia e limita il solito Falco ispiratissimo.
Ghoulam 6, si fa saltare una volta di troppo da Falco, per il resto gara attenta.
Zielinski 6.5, convince con il suo moto perpetuo e le sue proposizioni per le punte.
Elmas 5.5, impalpabile e a tratti svogliato. (Dal 74′ Callejon 6, spezzone di gara attento per l’esterno spagnolo)
Fabian Ruiz, 7, il gol vale il prezzo del biglietto. Ci mette la solita qualità ed è il punto di riferimento tecnico di questa squadra
Insigne 7, segna il gol numero 80 con la casacca del Napoli ed è continuamente al centro del gioco azzurro.
Milik, 6.5. Da co-punta con Llorente fa un po’ fatica ma è sempre pericoloso col suo mancino al veleno. (Dal 73′ Lozano 6, il tempo a dispozione è poco e lui non lo impiega per incantare come suo solito)
Llorente 8, il migliore in campo. Zittisce ancora una volta chi lo ha giudicato come uno scarto in cerca dell’ultimo contratto della carriera. Lotta, segna e ispira. Intramontabile. (Dall’86’ Luperto SV).

Ancelotti 7, La scelta del turn over è azzeccata.

fonte foto: ilMattino sport

Renato De Filippi

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.