Home News Milan-Juventus, si riparte con la ‘Classica’, ma i problemi non mancano

Milan-Juventus, si riparte con la ‘Classica’, ma i problemi non mancano

   Tempo di lettura 3 minuti

Domenica sera, rossoneri e bianconeri si sfideranno a San Siro. Match di straordinaria importanza, nonostante le diverse problematiche ambo i lati

Finalmente si ritorna a parlare di calcio giocato. Sì, perché di calcio o di pseudo tale se ne è parlato abbastanza. Lo scandalo del calcioscommesse, peraltro ancora in perenne e costante atto, ha trasformato la sosta per le nazionali in un vortice continuo di tensioni e minacce. Se prima il sistema calcio Italia era in crisi, adesso è proprio sul punto di crollare a capofitto. Per fortuna, c’è il calcio – quello vero, giocato – ad allontanare temporaneamente nubi e tempeste. Domani ci sarà lo start della nona giornata di campionato, che toccherà il culmine domenica sera quando a San Siro si sfideranno Milan e Juventus. La prima della classe contro la terza. Ossia la classica del calcio nostrano.

Ma come si presentano Milan e Juventus

Milan col terzo portiere

A San Siro si prospetta una serata di gala, il mondo ci guarda. Sia il Milan che la Juventus arrivano, calcisticamente parlando, in buona forma. I rossoneri da primi della classe, grazie all’1-0 (con polemiche) di Genova, che l’ha proiettati al primo posto, complice anche il pareggio qualche ora prima dell’Inter contro il Bologna. I bianconeri, invece, hanno tramortito il Torino nel Derby della Mole con due gol praticamente in fotocopia: uno di Gatti e l’altro di Milik. Pioli e Allegri puntano al colpo grosso. I rossoneri, che tre giorni dopo saranno ospiti al Parco dei Principi di Parigi in Champions League col PSG, dovranno fare a meno di due pezzi da novanta: Mike Maignan e Theo Hernandez. Entrambi fuori per squalifica dopo l’ultimo incontro a Marassi prima della sosta. Oltre ai due transalpini, Pioli sarà costretto a rinunciare anche al vice Maignan, Sportiello, al suo posto Mirante (terzo portiere), nonché a Chukwueze.

Juventus, infortuni e non solo

Una Juventus non proprio al ‘Max’ e qui si va oltre il lato strettamente tecnico. Oltre agli infortunati Alex Sandro e Danilo (in difesa), con Chiesa ancora fortemente in dubbio, Allegri deve lavorare anche da mental coach per non perdere un gruppo già fortemente colpito da due notizie non banali: il doping di Paul Pogba e per ultimo il pieno coinvolgimento di Nicolò Fagioli nel tunnel delle scommesse illegali, con tanto di presunta ludopatia da curare. Insomma, non proprio una passeggiata. In mezzo a tanta incertezza, è Dusan Vlahovic a ridargli momentaneamente il sorriso, grazie al suo pieno recupero.

Milan-Juventus, che crocevia!

Indipendentemente dalle assenze di entrambe le squadre, Milan-Juventus sarà un crocevia di estrema importanza per quanto riguarda la classifica. Poiché con un successo, i rossoneri salirebbero a quota 24 punti staccando addirittura di sette lunghezze la Vecchia Signora. Al contrario, con una vittoria della Juventus, il gap diminuirebbe ad un solo punto. Il che porterebbe i bianconeri ad entrare a pieno titolo nella corsa Scudetto. Milan-Juventus è tanta carne al fuoco, entrambe si giocano parecchio.

Sandro Caramazza

Fonte foto: Lega Serie A

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.