Home News Milan, Inzaghi e la maledizione del 9: “Datelo a Ibra”

Milan, Inzaghi e la maledizione del 9: “Datelo a Ibra”

1

SuperPippo scherza (ma non troppo) sulla malasorte che attanaglia chi sceglie quella che per anni è stata la sua maglia. Ultimo della lunga lista Piatek. Il tecnico del Benevento offre la soluzione: “La usasse Zlatan, così il problema si risolve”

ROMA – Pato, Fernando Torres, Mattia Destro, Gonzalo Higuain. Ma anche Matri, Luiz Adriano, Andre Silva, Lapadula, fino ad arrivare a Piatek. E’ il lungo elenco dei calciatori protagonisti, loro malgrado, della maledizione del numero 9 con la maglia del Milan. Da quando, infatti, Filippo Inzaghi ha appeso le scarpe al chiodo, nessuno di questi attaccanti è riuscito a lasciare il segno indossando quella “maledetta” casacca.

Si può essere scaramantici oppure no, di fatto però, pur parlando di giocatori importanti, nessuno è riuscito a seguire le orme di Filippo Inzaghi. E allora la soluzione del problema arriva proprio dal diretto interessato che, dai microfoni di Sky Sport, ci ha scherzato su (ma non troppo): “La mettesse Ibrahimovic. Quando la indossano dei grandi giocatori, la maledizione scompare”. L’attuale tecnico del Benevento, che ne ha approfittato per dire di voler terminare la stagione anche durante l’estate qualora fosse l’unica soluzione, ha ribadito di essere contrario al ritiro di quel numero: “Non era giusto ritirarla quando la indossò van Basten o il sottoscritto, è una maglia importante che tornerà presto a segnare”. Eppure da gennaio, dopo la partenza di Piatek all’Hertha Berlino, nessuno si è preso la responsabilità di accaparrarsi il “9”.

Sarà l’ennesima sfida di Ibrahimovic? Lo svedese ha scelto la 21, tuttavia a proposito di Zlatan si parlerà non tanto di numero, quanto di futuro perché, dopo il divorzio (tutt’altro che consensuale) tra Boban e Gazidis, non è affatto certa la permanenza di Ibra a San Siro. Fu proprio il dirigente croato, infatti, l’artefice del ritorno dell’ex Galaxy in rossonero, mentre l’ex ad dell’Arsenal è noto che prediliga la linea verde. Insomma, quello di Ibrahimovic (e di Donnarumma) sarà nuovamente uno dei temi più infuocati del prossimo calciomercato, coronavirus permettendo.

Fonte foto: calciomercato.com, itasportpress.it

Francesco Carci

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.