Home News Magia di Milik, il Napoli vince a Cagliari nel finale – Analisi...

Magia di Milik, il Napoli vince a Cagliari nel finale – Analisi e pagelle

0
Cagliari-Napoli 0-1 gol di Milik

Primo tempo ad armi pari, nella ripresa gli azzurri (anche grazie ai cambi) prendono il sopravvento e trovano il gol partita

L’aperitivo domenicale si consuma alla Sardegna Arena, il Cagliari imbattuto in casa ospita il Napoli di Ancelotti che deve “rispondere” al successo della Juve nel derby.

Addio “tridente dei piccoletti”, Ancelotti lancia Milik come terminale offensivo con Fabian Ruiz in appoggio. Fasce presidiate da Malcuit e Ghoulam, in difesa è Maksimovic il partner di Koulibaly. Nell Cagliari, rimaneggiato dalle assenze, l’azione offensiva è affidata a Joao Pedro e Farias.

Inizio prudente da parte dei sardi e Napoli a fare la partita, come da copione. Meno scontato che a produrre la prima palla gol siano i padroni di casa. Su pallone perso da Ounas, Farias punta Maksimovic che tiene botta, sulla ribattuta arriva Faragò che conclude trovando l’opposizione di Ospina. Lo stesso Ounas prova poco dopo a redimersi con un’azione ubriacante sulla destra, il suo cross però non raggiunge Milik a centro area.

Il Napoli fatica al cospetto del compatto collettivo di Maran, attento in difesa e pronto all’occorrenza a ripartire. A tal punto che i partenopei non arrivano a creare nulla di significativo, è anzi il Cagliari sul finire della prima frazione a spaventare gli ospiti. Joao Pedro sfonda sulla sinistra e mette in mezzo un pallone su cui Farias colpisce a botta sicura: Ospina para, sarebbe stato fuorigioco ma la sostanza non cambia. Il Cagliari va al riposo imponendo meritatamente il pareggio alla squadra di Ancelotti.

Nel secondo tempo il Napoli parte forte e si rende pericoloso con Ruiz e Milik (due volte), prima che il Cagliari al 66′ trovi un guizzo con Farias che colpisce di testa indisturbato in mezzo all’area senza però trovare la porta.

La porta la trova eccome Arkadiusz Milik, il polacco impatta sul cross di Mertens (subentrato a Diawara) centrando clamorosamente la traversa interna e il… non gol. All’assalto finale degli azzurri partecipano anche Insigne e Callejon ma a timbrare il cartellino, al 91′, è colui che la sfida l’ha giocata dall’inizio: Milik. Il bomber si incarica di calciare la punizione procurata da Mertens, con un sinistro a giro “Arek” non lascia scampo a Cragno. Palla nel sacco per lo 0-1 con cui si conclude la sfida.

Il Cagliari deve arrendersi nei “minuti-Napoli”, prima sconfitta casalinga per gli uomini di Maran che anche stasera hanno combattuto alla grande, cedendo solo di fronte ad una super giocata.

Il Napoli passa in extremis, poco brillanti gli azzurri nel primo tempo ma decisamente meglio nella ripresa. Vittoria meritata per le chances da gol create, su tutte la traversa di Milik che ancora grida vendetta.

LE PAGELLE DEL NAPOLI

OSPINA 6.5 Reattivo nelle uscite, presente nelle poche occasioni in cui è chiamato in causa

MALCUIT 6 Poche sgroppate degne di questo nome, resta bloccato e cerca di non farsi superare, quasi sempre con profitto

MAKSIMOVIC 6 Se la cava nel gioco aereo e anche nell’uno contro uno, non fa rimpiangere Albiol

KOULIBALY 6.5 Traduzione dal senegalese: “Da qui non si passa”

GHOULAM 6 Gara senza sbavature, presenza solida a sinistra e altri 90 minuti nelle gambe dopo la lunga assenza

DIAWARA 6 Combatte a centrocampo, finchè Ancelotti non decide di ridisegnare il suo Napoli in maniera più offensiva DAL 62′ MERTENS 6.5 Entra lui ed è una mano santa per gli uomini in maglia azzurra. Una pennellata per Milik e la punizione che porta al gol. Manna dal cielo

ALLAN 6 Una serata da uomo normale, sempre e comunque positivo

FABIAN RUIZ 6 Si accende a intermittenza, potrebbe anche trovare la via del gol.

OUNAS 5.5 Un paio di spunti interessanti ma poi di lui non lascia più tracce “costringendo” Ancelotti a rimediare DAL 71′ INSIGNE 5.5 Si fa notare soprattutto per l’ammonizione ricevuta. Sarà per un’altra volta

ZIELINSKI 6 Il motorino polacco è inesauribile, questo sì, non sempre preciso. Pericoloso nella ripresa con un destro da fuori area, di poco fuori

MILIK 7 Non si demoralizza dopo un primo tempo in cui ha sofferto di solitudine. Ci prova una, due, tre volte. Niente. Il meglio se lo tiene per la fine quando disegna un arcobaleno. Decisivo

ANCELOTTI 6 Stasera forse ha osato un po’ troppo mandando in campo un Napoli in versione decisamente “sperimentale”. Sapeva però di poter pescare dalla panchina. O forse sapeva anche che con questo Napoli le partite si vincono alla fine. E così c’è più gusto

LE DICHIARAZIONI DI ANCELOTTI

Credo che abbiamo meritato il gol viste le occasioni che abbiamo avuto nel secondo tempo”. Sette minuti di recupero? “Ci sono state tantissime interruzioni, credo di conseguenza che i sette minuti siano adeguati”.

Fonte foto: corrieredellosport.it

Federico Vitaletti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.