Home News L’Italia torna a Roma per prendersi l’Europeo

L’Italia torna a Roma per prendersi l’Europeo

0

Sabato sera gli azzurri saranno impegnati allo stadio Olimpico contro la Grecia: obiettivo la qualificazione aritmetica ad Euro 2020

Si ferma il campionato, torna l’Italia . E lo fa per un grande appuntamento, almeno per la posta in palio. Sabato sera infatti i ragazzi di Roberto Mancini saranno impegnati nel settimo turno delle qualificazione europee. Avversario la Grecia, in una gara che potrebbe sancire l’artitmetica qualificazione al prossimo Europeo. Gli azzurri torneranno allo Stadio Olimpico, 4 anni dopo l’ultima volta, quando l’allora squadra di Conte affrontò la Norvegia.

Ed è un appuntamento da non fallire per gli azzurri, al primo step importante prima del grande torneo continentale. Una gara per chiudere un cerchio, in un anno che ha visto la giovane Italia di Mancini migliorare notevolmente ed intraprendere una filosofia di calcio ben precisa.  Un cammino perfetto fin qui per gli azzurri, fatto di 6 vittorie in altrettante gare, con la possibilità, in caso di successo contro gli ellenici, di qualificarsi con tre giornate di anticipo. Qualche grattacapo, però, il ct ce l’ha. Sono tanti infatti gli indisponibili: da Florenzi a Pellegrini, fino a Sensi, Donnarumma e il lungo degente Chiellini. Scelte quasi obbligate per il commissario tecnico, che ieri in conferenza stampa non ha però svelato. Si ripartirà dal 4-3-3. In porta andrà Sirigu. In difesa Romagnoli e Bonucci coppia centrale. I dubbi sono sugli esterni, con Spinazzola, Biraghi, Di Lorenzo e Mancini che si giocano 2 posti. Da non escludere totalmente una possibile difesa a 3 con inserimento di Izzo centrale. Già collaudato il centrocampo, con il trio Jorginho, Verratti e Barella. Sugli esterni verso la conferma Insigne e Bernardeschi, davanti il solito ballottaggio Belotti/Immobile.

La grande novità di sabato sera riguarderà però la divisa. Come anticipato qualche settimana fa dallo sponsor tecnico, l’Italia scenderà in campo con una maglia verde, intrinseca di ornamenti che richiamano il Rinascimento. Una maglia che simboleggerà i nuovi giovani italiani e che rimanda al 5 dicembre 1954, quando in occasione di Italia-Argentina, gli azzurri scesero in campo, sempre allo stadio Olimpico, con la maglia verde. Allora finí 2-0 per noi, chissà che non porti bene, anche se, come ha ribadito lo stesso Mancini, continueremo sempre a preferire l’old style.

Federico Leoni

fonte foto: foxsports.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.