Home News L’Inter scappa, la Roma rimonta: all’Olimpico è 2-2. Analisi e pagelle

L’Inter scappa, la Roma rimonta: all’Olimpico è 2-2. Analisi e pagelle

0

Ecco come è andato il posticipo tra Roma ed Inter

La Roma ritrova il passato. Quel Luciano Spalletti che all’ombra del Colosseo è stato l’ultimo ad alzare un trofeo, ma anche l’antagonista principale di Francesco Totti. Un rapporto da favola trasformato in incubo quello con la tifoseria. La sua Inter arriva all’Olimpico per dimenticare la sconfitta col Tottenham, di fronte una Roma in cerca di identità.

Di Francesco deve sopperire alle assenze di Dzeko, El Shaarawy e Pellegrini, ma ritrova per la panchina Pastore e Perotti. Nei 3 trequartisti gioca Florenzi con Santon basso. In attacco altra chance per Schick. Dall’altra parte Spalletti opta per Joao Mario al posto di Nainggolan. Davanti lancia l’ex laziale Keita.

La gara è subito bella, viva e frizzante. Le due squadre giocano, con la Roma che centra il palo con Florenzi dopo un grande colpo di tacco di Schick. L’Inter risponde con Icardi, i giallorossi recriminano per un fallo su Zaniolo in area giudicato regolare da Rocchi. E così i nerazzurri la sbloccano, grazie a Keita, che devia in porta un cross di D’Ambrosio. Si va alla ripresa, e la Roma cambia marcia. A pareggiare ci pensa Under, che riceve tra le linee e fa partire un missile terra area dai 25 metri. Il gol galvanizza gli uomini di Di Francesco che creano occasioni e praticano un bel calcio. La beffa però è dietro l’angolo, è l’Inter rimette la freccia con Icardi, che di testa dagli sviluppi di un calcio d’angolo batte Olsen. I capitolini non mollano, e al contrario di altre volte si gettano a capofitto alla ricerca del pareggio, che arriva grazie ad un calcio di rigore: Brozovic allarga il gomito, Rocchi consulta il Var e indica il dischetto. Dagli 11 metri è perfetto Kolarov, che fa 2-2. I minuti finali sono un continuo cambio di fronte da una parte all’altra, con le due squadre che non si risparmiano su un pallone, ma alla fine termina in parità.

Dall’Olimpico esce sicuramente una Roma soddisfatta per la sua prestazione. La squadra, infatti, ha creato occasioni, dimostrando l’atteggiamento giusto, soprattutto una volta andata in svantaggio. Pesano alcuni errori e giocate individuali, come il posizionamento della difesa sul gol di Icardi, solissimo in area. Di Francesco può comunque sorridere, anche considerate le tantissime assenze. C’è anche rabbia però in casa giallorossa, per via del mancato rigore concesso su Zaniolo. La società ha optato per il silenzio stampa, con Pallotta furioso con l’arbitro Rocchi per l’episodio.

Bene anche l’Inter, capace di portarsi per 2 volte in vantaggio, sfruttando le non molte chance concrete a disposizione. I nerazzurri si sono disimpegnati bene in fase di uscita, ma spesso hanno mancato di incisività. Un ritorno all’Olimpico in agrodolce, dunque, per Spalletti, che tra i fischi agguanta momentaneamente il Napoli al secondo posto.

LE DICHIARAZIONI DI SPALLETTI

Dato che sento ingiustizie, ci sono anche altri episodi da rivedere oltre a quello di Zaniolo. Parliamo ad esempio dell’intervento di Manoals su Icardi, che va dritto sull’uomo. Però di questa situazione non si parla. Poi le due quadre hanno espresso un calcio di qualità e il risultato sarebbe stato lo stesso. Hanno creato molte giocati importanti che potevano determinare più gol. Questa sera però è venuta fuori l’essenza del calcio”

LE PAGELLE DELLA ROMA

Olsen 6: Può poco sui gol. Per il resto bene.

Santon 6: Ritrova il suo passato e non se la cava male. Rischia qualcosa in uscita, ma non disdegna. Kluivert SV

Manolas 6: Perfetto in marcatura su Icardi, ma se lo perde in occasione del pareggio dell’argentino.

Jesus 5,5: Qualche sbavatura di troppo,

Kolarov 7: Scende sulla sinistra sempre con i tempi giusti. Glaciale e perfetto dal dischetto.

Nzonzi 6: Ordinario amministrazione per lui. Vince tante duelli, ma sbaglia qualcosa in fase di appoggio.

Cristante 5,5: Troppo discontinuo, alterna buone cose ad errori palesi.

Florenzi 7: Cuore, spirito e qualità. E l’anima di questa Roma. Molto bene in entrambe le fasi.

Zaniolo 7,5: Di gran lunga il migliore. Questo ragazzo ha tutto: corsa, tecnica e quantità. Spicca però per personalità. Giocatore totale. E ha solo 19 anni… Pastore SV

Under 7: Si vede poco, ma la sua qualità è lasciare il segno. Scuote la Roma con un gol splendido dai 25 metri. Perotti 6: Entra e recupera qualche pallone prezioso

Schick 6: Da accademia il colpo di tacco a smarcare Florenzi nel primo tempo. Prestazione leggermente in crescita rispetto alle precedenti.

Di Francesco 6,5: La sua Roma gioca e ci mette il cuore. la sfortuna e un arbitraggio dubbio fanno il resto.

LE PAGELLE DELL’INTER:

Handanovic 6: Incolpevole sui gol. Non deve compiere grossi miracoli.

D’Ambrosio 6,5: Bello l’assist per Keita. Buona prova.

de Vrij 6:Sicuro e quasi mai in affanno.

Skriniar 6: Come il compagno di reparto

Asamoah 6: Parte bene calando nel finale.

Borja Valero 5,5: Sempre nel vivo del gioco, ma non offre mai lo spunto decisivo.

Brozovic 5,5: Apre lo sportello e regala un rigore alla Roma macchiando la sua prestazione.

Joao Mario 6: Equilibrato e preciso. In crescendo.

Perisic 5,5: Il vero assente della serata. Si vede poco, e poco viene servito.

Icardi 6,5: Lui c’è sempre. Agisce nell’ombra, poi punisce al momento giusto.

Keita 6,5: Sente aria di derby e porta in vantaggio l’Inter. Cala nella ripresa. Politano 6: Porta freschezza ed imprevedibilità

Spalletti 6: La sua Inter a tratti pratica un bel calcio, ma in modo discontinuo nel corso del match.

Federico Leoni

fonte foto: la Repubblica

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.