Home News Lecce, partenza Pessina: battuto dal Verona 1-0

Lecce, partenza Pessina: battuto dal Verona 1-0

1

Decide l’ex centrocampista che segna nel finale e non esulta: i salentini sono a 0 punti dopo 2 partite giocate

La partenza non è delle migliori per i salentini, che dopo 7 anni di purgatorio tornavano in massima serie con l’ambizione di confermare il gioco scintillante della scorsa stagione. Dopo la sconfitta schiacciante contro gli uomini del tanto odiato ex Antonio Conte, è un altro ex ad affondare i ragazzi di Liverani: Matteo Pessina, centrocampista in prestito dall’Atalanta, giallorosso nella stagione 2015/2016.

Le scelte iniziali – Albero di Natale confermato per i giallorossi che cambiano i terzini rispetto alla partita contro l’Inter (Dell’Orco per Calderoni e Benzar per Rispoli) e include nella formazione titolare capitan Marco Mancosu che agisce tra le linee. Juric, di contro, schiera una collaudata difesa a 3 affidando le sue speranze agli esterni Faraoni e Lazovic per rifornire adeguatamente il tridente formato da Amrabat, Zaccagni e Tutino.

LECCE: Gabriel, Benzar, Lucioni, Rossettini, Dell’Orco; Shakhov, Tachtsidis, Majer; Mancosu; Falco, Lapadula. All.: Liverani.

HELLAS VERONA: Silvestri; Rrahmani, Kumbulla, Günter; Faraoni, Amrabat, Henderson, Veloso, Lazovic; Zaccagni, Tutino. All.: Juric.

Il film della partita – Le prime occasioni per le compagini arrivano rispettando il medesimo Leitmotive: il colpo di testa su calcio piazzato. Prima Lucioni, poi Rrahmani ci vanno vicino nei primi 10 minuti ma entrambe le conclusioni non sono vincenti.
Nella giornata dei pali (ben 6 nel derby di Roma del pomeriggio) è Matteo Zaccagni del Verona ad alimentare questa curiosa statistica di giornata centrando il legno al minuto 21′ del primo tempo.
La partita prosegue su ritmi piuttosto blandi complice anche la temperatura umida e asfissiante del Via del Mare e viene ravvivata da ben poche occasioni di rilievo se non dalle sempre pericolose palle da fermo.
Attorno all’ora di gioco, Liverani ricambia i terzini inserendo Rispoli e Dell’Orco mentre il cambio della partita arriva al minuto 74′ quando uno stanco Liam Henderson viene sostituito da Matteo Pessina, man of the match col gol al minuto 81′, spedendo il parziale sull’1-0 poi definitivo.

L’esultanza contenuta dell’ex della partita

Nel finale, occasione per Marco Mancosu che controlla in area, mira ma non trova la rete complice intervento del portiere veronese.

Finisce 0-1 un po’ a sorpresa, bravo Juric a disegnare una formazione competitiva che non ha temuto l’entusiasmo leccese per il ritorno in A e ha sbancato uno degli stadi più caldi dell’intera categoria.
Lecce che non decolla sul piano del risultato, ma che dimostra ancora una volta ampi margini di miglioramento sul piano dell’intensità e del relativo gioco.

fonte foto: sito U.S. LECCE

Renato De Filippi


1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.