Home News Lazio di nuovo spumeggiante: 3-1 al Cagliari all’Olimpico. Analisi e pagelle

Lazio di nuovo spumeggiante: 3-1 al Cagliari all’Olimpico. Analisi e pagelle

0
Lazios Senad Lulic scores the 3-0 goal during Serie A soccer match SS Lazio - Cagliari at Olimpico Stadium in Rome, 22 December 2018. ANSA/CLAUDIO PERI

A segno Milinkovic Savic, Acerbi e Lulic. I biancocelesti si ripropongono di prepotenza in zona Champions League

Torna al successo dopo oltre un mese la Lazio, vittoriosa sul Cagliari per 3-1 allo stadio Olimpico. Oltre ai tre punti la formazione di Inzaghi ha ritrovato gioco, grinta e uomini chiave.

Il modulo senza regista e con il doppio trequartista ha esaltato le caratteristiche della squadra, che ha per lunghi tratti della gara si espressa su livelli eccelsi, garantendo ritmo e velocità nello sviluppo dell’azione.

Fin dalle prime battute l’aquila ha fatto capire ai sardi l’inerzia del match. Il goal di Milinkovic Savic (con tanto di commozione dovuta al periodo non proprio positivo) apre la strada ai biancocelesti, che per tutto il primo tempo mettono alle corde l’avversario.

La clamorosa traversa di Immobile e il raddoppio di Acerbi  indirizzano in maniera quasi definitiva la partita. Nella ripresa la compagine allenata da Maran accenna ad un minimo di reazione, ma deve poi arrendersi al 3-0 di Lulic, arrivato al termine di un bel contropiede rifinito da Immobile.

Nel finale la Lazio si diverte e prova a far segnare il suo bomber principe. Il 4-0 non arriva, anzi arriva il goal rossoblu su calcio di rigore con Joao Pedro. Clamorosa l’ingenuità commessa da Bastos nella circostanza, che rifila una gomitata al numero 10 cagliaritano pochi secondi dal triplice fischio.

Dunque, una piccola nota stonata insieme all’uscita di Luis Alberto (Inzaghi ha dichiarato nel post gara che si è trattato di un principio di crampi) in un pomeriggio di grandi risposte per la Lazio. Per poter dire che la crisi è finita saranno decisivi i prossimi due match contro Bologna e Torino.

Il Cagliari non poteva fare troppo di più viste le squalifiche e gli infortuni. Un normale incidente di percorso quindi, a patto che dal prossimo importantissimo incontro con il Genoa si torni a fare risultato.

Dichiarazioni Inzaghi

“I ragazzi sono stati bravi, hanno interpretato la partita nel migliore dei modi, approcciando nel modo giusto. Nel primo tempo avremmo meritato anche qualche gol in più. Ci godiamo una vittoria che mancava da troppe partite. Da stasera penseremo poi alla partita con il Bologna”.

Pagelle Lazio

Strakosha 6.5: Un vero peccato subire goal all’ultimo secondo dopo aver fatto un paio di ottimi interventi.

Luiz Felipe 6,5: Vedendolo così affidabile ci si chiede perchè Inzaghi gli abbia spesso preferito Wallace.

Acerbi 7: Perfetto in difesa e spietato in attacco con il terzo goal realizzato in campionato. E pensare che non riposa mai…

Radu 6,5: Si è lasciato alle spalle la prestazione negativa di Bergamo garantendo quantità e concentrazione.

Marusic 6: Oggi non se la cava male nemmeno lui. Più propositivo e meno disattento.

Parolo 6,5: In assenza di un regista di ruolo ha il compito di fare da scudo alla difesa. Come al solito ci riesce molto bene.

Milinkovic Savic 7: Finalmente si è rivisto ad ottimi livelli. Goal e grandi giocate come lo scorso anno. L’auspicio è che sia un nuovo inizio e non un episodio sporadico.

Lulic 7: Non si ferma mai. Corre dal per novanta minuti in maniera costante. La rete realizzata è il giusto coronamento di una partita perfetta.

Luis Alberto 7: Lampi da vero mago ma anche tanto lavoro sporco. Esce tra il boato di “paura” dell’Olimpico. Per fortuna erano solo crampi.

Correa 6,5: Mette lo zampino sulle prime due marcature biancocelesti. Conferma la buona intesa con Immobile e Luis Alberto. Ormai si è capito: deve giocare!

Immobile 6,5: Gli manca solo il goal. Le parate di Cragno, la traversa clamorosa gli impediscono di trovare l’undicesimo centro in campionato.

Dal 69′ Lucas Leiva 6: Pochi minuti per tornare a riassaporare il campo dopo il lungo stop.

Dal 77′ Lukaku 6: Si mette in mostra con un paio di discese interessanti.

Dall’80’ Bastos 5: La sua ingenuità costa l’inviolabilità della porta di Strakosha.

Simone Inzaghi 6,5: Un paio di accorgimenti per ritrovare la vera Lazio. L’innesto di Luiz Felipe al posto di Wallace, l’assenza di un vero regista e il doppio trequartista hanno permesso alla Lazio di tornare al successo. Adesso bisogna dare continuità, già a partire dal “derby” in famiglia contro il fratello Pippo.

Antonio Pilato

Fonte immagine:ansa.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.