Home News Lazio, da Chinaglia a Simeone: un giorno speciale per i biancocelesti

Lazio, da Chinaglia a Simeone: un giorno speciale per i biancocelesti

1

Per la società biancoceleste il primo giorno di Aprile ha ricordi agrodolci: la storica rete del ‘Cholo’ alla Juventus nel 2000, anno dello scudetto, ma anche la morte, datata 2012, di ‘Long John’. Intanto Diaconale attacca la Juventus: “Ha interesse nel chiudere qui il campionato”

ROMA – Il celebre gol di Simeone in Juventus-Lazio del 2000, ma anche la morte, nel 2012, di Giorgio Chinaglia. Per tutto il mondo biancoceleste la data del primo aprile è un appuntamento agrodolce con la memoria, sia per l’ultimo scudetto che per il ricordo dell’idolo ‘Long John’.

L’incornata di testa del ‘Cholo’ al Delle Alpi è uno dei flashback della vittoria dello scudetto della Lazio di Cragnotti. Con quel successo i biancocelesti di Eriksson si portarono a -3 dalla Juventus, poi sorpassata nella celebre ultima giornata con la sconfitta dei bianconeri a Perugia firmata da Calori. Sono passati 20 anni esatti e, per uno scherzo del destino, Lazio e Juve si ritrovano nuovamente in piena lotta per il tricolore. Coronavirus permettendo.

Il primo aprile tuttavia evoca ai laziali (e non solo) anche un ricordo meno piacevole. In quel giorno del 2012 se ne andava infatti Giorgio Chinaglia, uno dei giocatori più amati dai tifosi. Grande protagonista della Lazio anni ’70, fu lui il grande trascinatore dello scudetto 1974 vincendo la classifica cannonieri con 24 gol. In totale con i biancocelesti ha giocato 209 partite, realizzando 98 reti. Tuttora il pubblico laziale gli intona il coro “Giorgio, Chinaglia, è il grido di battaglia!”. E’ morto 8 anni fa esatti, in Florida, a causa di un infarto. Nonostante qualche “macchia” nella sua vita (nel 2006 fu accusato di estorsione e aggiotaggio nel tentativo di scalata alla Lazio), resta uno degli idoli di tutto il pubblico laziale. La stessa società lo ha ricordato sui propri canali social.

Nel frattempo, tornando ai giorni nostri, in attesa del ritorno in campo, continua a parole il duello Lazio-Juventus. In particolare il direttore della comunicazione dei biancocelesti, Arturo Diaconale, non ha risparmiato qualche stoccata alla Vecchia Signora: “Noi vogliamo dimostrare sul campo di poter vincere lo scudetto. Alla Juve converrebbe far finire qui la Serie A, anche dal punto di vista del bilancio. Alcune dichiarazioni favorevoli allo stop del campionato ci hanno danneggiato, ricordiamo che siamo società quotate in borsa”. Anche in tempo di coronavirus, il clima resta infuocato.

Fonte foto: tuttomercatoweb.com, sslaziofans.it, sport.sky.it, since1900.it

Francesco Carci

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.