Home News L’Atalanta soffre ma vince: decidono Toloi e Muriel

L’Atalanta soffre ma vince: decidono Toloi e Muriel

0

Grazie a due episodi, gli uomini di Gasperini battono una buona Sampdoria

C’era quasi riuscito Claudio Ranieri a spezzare la serie dell’Atalanta e l’aveva fatto mettendo in campo una Samp organizzata e compatta. L’Atalanta si prende anche questi tre punti, grazie a due prodezze di Toloi e Muriel e riesce ad avere la meglio sulla Samp soltanto nell’ultimo quarto d’ora.

Le due squadre schierate, ricordano il maestro Ennio Morricone

Gasperini cambia otto giocatori rispetto alla trasferta vincente di domenica scorsa a Cagliari, confermando però Caldara al centro della difesa. In attacco si rivede il tridente composto da Ilicic, Gomez e Zapata. Ranieri risponde con il 4-5-1 che ha adottato anche nelle ultime uscite, riproponendo Yoshida in difesa e confermando Gabbiadini in attacco. In panchina si rivede Fabio Quagliarella.

Al contrario di quanto ci si aspetti si vede una Samp molto aggressiva nei primi minuti, con l’Atalanta che fa fatica a sviluppare il proprio gioco e a trovare spazi. Al dodicesimo Linetty e Gabbiadini triangolano molto bene e il numero ventitré doriano si ritrova davanti a Gollini che esce bene e blocca la sfera. Due minuti dopo lo stesso portiere nerazzurro è ancora protagonista, uscendo di testa e anticipando Depaoli.

L’Atalanta esce alla distanza e intorno alla metà del tempo comincia ad alzare il baricentro, ma è ancora la Samp ad essere pericolosa sull’asse Gabbiadini-Linetty, con quest’ultimo che riceve una buona palla ma il suo tiro viene deviato in angolo da Toloi.

Yoshida cerca di controllare il pallone, mentre alle sue spalle arriva Zapata

L’occasione più grande della Sampdoria arriva alla mezz’ora e porta sempre la firma di Gabbiadini, che calcia dalla distanza, ma Gollini si fa trovare pronto e alza in angolo. Devono passare ancora otto minuti per vedere la prima occasione dell’Atalanta: Zapata riceve un lancio di Gomez, ma Audero esce e chiude lo specchio della porta. La partita sembra accendersi nel finale di tempo, quando prima Depaoli e Hateboer hanno un’occasione a testa, ma nessuna delle due finisce in rete. La Samp ha fatto un’ottima prestazione nel primo tempo e Ranieri può dirsi più che soddisfatto: la sua squadra è stata aggressiva e ha fatto molto pressing, spesso anche raddoppiando i giocatori dell’Atalanta, che ha sofferto molto.

Nessun cambio ad inizio ripresa e si riprende con gli stessi ventidue in campo nei primi quarantacinque minuti. Nemmeno il copione sembra cambiare, con l’Atalanta in cerca di spazi e la Sampdoria che si difende in maniera ordinata, ma facendo pressing. I protagonisti in campo in questa seconda frazione di gioco sono due: Gabbiadini nei doriani, che calcia ancora da fuori trovando preparato Gollini anche in questa occasione e Toloi che spesso si porta in avanti e al 75esimo trova il guizzo vincente con un colpo di testa che batte Audero. Una rete che arriva qualche minuto dopo l’espulsione per proteste di Ranieri. Prima della rete, Gasperini aveva provato a rimescolare le carte inserendo de Roon, Malinovski e Muriel, per Pasalic, Djimsiti e Muriel.

La Samp prova a reagire con Murru che spedisce fuori. Dall’altra parte invece l’Atalanta trova il raddoppio con l’ex Muriel, il quale segna un gran gol con un destro dal limite che batte Audero. Nemmeno in questa occasione il portiere della Samp poteva incidere.

Anche quando soffre la Dea vince e con questo successo la squadra di Gasperini sale a quota 66 portandosi momentaneamente al terzo posto, in attesa del match dell’Inter in casa del Verona. La Sampdoria ha giocato bene, ma ha ceduto su due episodi, creando molta difficoltà all’Atalanta nello sviluppo del suo gioco: un segnale incoraggiante in casa doriana, in vista delle prossime partite.

Leonardo Tardioli

Fonte foto:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.