Home News L’Atalanta riprende da dove aveva lasciato, Sassuolo spazzato via: 4-1

L’Atalanta riprende da dove aveva lasciato, Sassuolo spazzato via: 4-1

0
Fonte ecodibergamo.it

Poker nerazzurro alla squadra di De Zerbi, sugli scudi Gosens, Gomez e Zapata, gli oltre tre mesi di stop non sembrano aver scalfito Gasp e i suoi

Bergamo prova a sorridere. Dopo esser stata una delle città maggiormente colpite durante la pandemia ora si cerca un po’ di normalità. L’Atalanta riparte insieme alla sua gente che non sarà sugli spalti del Gewiss Stadium ma che seguirà col cuore i suoi beniamini. Il recupero della 25^ giornata vede davanti agli orobici il Sassuolo per quella che dovrebbe essere una gara interessante. Di fronte, infatti, ci sono due delle squadre che esprimono il miglior gioco grazie al lavoro di Gasperini e De Zerbi.

Il tecnico della Dea perde all’ultimo momento Ilicic per un contrattempo muscolare, per il resto formazione migliore possibile con Pasalic che coadiuverà Gomez e Zapata davanti. In difesa conferma per Caldara tornato nel mercato di gennaio dopo anni difficili. I neroverdi ritrovano Defrel che si piazza a supporto di Caputo con Berardi e Boga sulle ali. Si rivedono Bourabia a centrocampo e Peluso in difesa. Arbitra la sfida Chiffi.

Atalanta che subisce l’avvio frizzante del Sassuolo. Lo sprint degli ospiti, però, cala dopo pochi minuti e i nerazzurri prendono in mano il match. E’ Zapata a suonare la carica con due occasioni pericolose che non sono altro che il preludio al gol. Al 16′ sugli sviluppi di un corner Caldara rimette in mezzo di testa, Djimsiti è lesto a centro area nel deviare la sfera che finisce all’angolino. Atalanta in vantaggio. Il raddoppio arriverebbe tre minuti dopo ma il Var cancella il punto di Gomez. Non c’è problema perchè la macchina atalantina non perde giri e prosegue spedita.

Siamo al 31′ e Gomez con un lancio illuminante pesca Gosens sulla sinistra, il tedesco di testa serve Zapata al centro che, complice un incerto Consigli, riesce a deviare in rete, 2-0. Atalanta che continua a macinare gioco, Pasalic crossa per Zapata, l’incornata del colombiano si infrange sulla traversa. Minuto 37, Gosens persevera ad arare la sua fascia, arriva sul fondo e mette al centro, Bourabia intercetta ma si porta il pallone dentro la porta. Tris nerazzurro e Sassuolo senza scampo. Nel finale i ragazzi di De Zerbi rialzano la testa e sfiorano per ben tre volte il gol della speranza ma prima Berardi, in due occasioni, e poi Caputo trovano un attento Gollini in uscita.

Nella ripresa il Sassuolo prova ad attaccare a testa bassa, l’Atalanta contiene. Al 56′ occasione buona per Defrel che tira dal limite dell’area ma Gollini è ancora bravo ad alzare sopra la traversa in uscita. Le squadre col passare del tempo abbassano i ritmi, il rientro dopo lo stop forzato si fa sentire. Al 66′ fulmine a ciel sereno: punizione di Gomez dalla sinistra, Zapata a centro area incorna e non perdona, 4-0. Diverse le sostituzioni viste le cinque a disposizione. Due neoentrati neroverdi, Djuricic e Haraslin, confezionano una palla gol con il primo che crossa per il secondo, il colpo di testa finisce di poco a lato. Al 92′ punizione dal limite Sassuolo, Bourabia sulla sfera. Il tiro non lascia scampo a Gollini, 4-1 e orgoglio neroverde salvo. Il triplice fischio sancisce la fine e i tre punti per l’Atalanta.

Gasperini, tra l’altro espulso, non può che essere soddisfatto alla ripresa dopo più di tre mesi. L’Atalanta ha mostrato il solito gioco efficace, almeno fino a che le forze hanno retto. Davvero troppo poco per il Sassuolo rimasto annichilito da un avversario superiore. Idee da riordinare al più presto per un fine campionato tranquillo.

Glauco Dusso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.