Home News La Roma si esalta al sentor d’Europa: vittoria contro il CSKA e...

La Roma si esalta al sentor d’Europa: vittoria contro il CSKA e primato nel girone. Analisi e pagelle

0
CONDIVIDI

I giallorossi si confermano squadra da Champions: russi battuti 3-0

Zoppica, e molto, in campionato. Si esalta in Coppa Campioni. È la storia recente della Roma, è la storia di questa stagione giallorossa. La squadra di Di Francesco, infatti, batte 3-0 il CSKA e prova a mettersi alle spalle la sconfitta di sabato contro la Spal.

Non ha vita facile il tecnico capitolino, che deve rinunciare a Kluivert, lanciando nella mischia El Shaarawy. A sinistra torna titolare Santon al posto di Kolarov. Sulla trequarti Pellegrini, con Dzeko di fronte a lui. Che i capitolini non vivano il miglior momento di forma lo si evince fin dai primi minuti, quando il gioco è lento, e le ripartenze del CSKA fanno suonare un campanello d’allarme. Le paure, però, passano definitivamente al 30′, quando Dzeko porta in vantaggio i suoi, spingendo in rete da pochi passi un cross di Pellegrini. Con la mente più libera grazie al vantaggio, gioca meglio la Roma, che prende sempre più entusiasmo. E prima del duplice fischio trova il raddoppio, ancora con Dzeko, che in diagonale batte il portiere russo. È un gol importante per il bosniaco, perchè è il suo centro numero 80 con la maglia giallorossa, entrando a tutti gli effetti nella storia del club. A proposito di numeri, il numero 9 è secondo soltanto a Cristiano Ronaldo per gol segnati in Champions nell’ultimo anno e mezzo. Tornando alla cronaca, la Roma entra in campo nella ripresa con la forza di chi è vantaggio di due gol. Prima Florenzi sfiora il tris con una botta dal limite dell’area, poi arriva la rete che chiude i conti, quello del 3-0. A firmarlo è Under, che servito da Dzeko all’interno dell’area, insacca sotto la traversa. A questo punto DI Francesco richiama in panchina i titolarissimi, per rilanciare chi fin qui ha deluso, come Cristante e Schick, e per ridare minuti agli acciaccati, come Kolarov. Alla fine termina 3-0.

È sempre più un caso da psicanalisi questa squadra, capace, nel giro di tre giorni, di passare dalle stalle alle stelle. Da una sconfitta casalinga contro la Spal, ad una vittoria contro il CSKA, che due settimane prima aveva battuto il Real Madrid. Sul piano del gioco c’è ancora molto da migliorare, soprattutto a livello di meccanismi e velocità, ma la vittoria era fondamentale. Così come il ritorno dei senatori, Manolas e De Rossi su tutti, le cui assenze si erano fatte sentire contro gli estensi. Discorso a parte, poi, per Edin Dzeko, che sta rispecchiando in tutto e per tutto il cammino dei suoi: piccolo in campionato, stellare in Europa. Quinto gol in questa edizione della Champions, 80esimo in giallorosso. I numeri sono dalla sua. Così come i numeri del girone G, che al momento vede la Roma in testa a quota 6 punti. Gli stessi del Real, ma con una migliore differenza reti.

LE DICHIARAZIONI DI DI FRANCESCO

Siamo stati bravi a soffrire ma anche bravi a recuperare i palloni nella metà campo avversaria. Mi è piaciuto l’atteggiamento della squadra ma dobbiamo sempre fare meglio e portare questo atteggiamento in campionato”.

LE PAGELLE DELLA ROMA

Olsen 6,5: Nel primo tempo, sullo 0-0, ci mette un paio di volte le manone. Mantiene la porta inviolata e dimostra sicurezza.

Florenzi 6,5: Fa 3 ruoli all’interno della stessa gara, tutti con la stessa qualità.

Manolas 7: Fondamentale. In tutto e per tutto. Stasera è praticamente insuperabile.

Fazio 6: La sufficienza è d’incoraggiamento, ma neanche in una serata positiva riesce a brillare. Un continuo sali e scendi sulle montagne russe. A buone cose, ne alterna altre orribili.

Santon 6: Pulito, ordinato. Gioca in un ruolo non suo, sulla sinistra, ma lo fa diligentemente.

Nzonzi 6: Pulisce ogni pallone che transita dalle sue parti.

De Rossi 6,5: A livello psicologico il suo recupero è tutto. È la guida, la bandiera, l’anima di questa Roma. Schick SV

Under 7: Frizzante al punto giusto, con un sinistro killer. Ancora un gol per lui. Kolarov SV

Pellegrini 6,5: Si mette al servizio dei compagni offrendo buone giocate, tra cui l’assist per il gol del vantaggio. Cristante SV

EL Shaarawy 6,5: Utile in fase offensiva, entrando un due dei tre gol, prezioso in quella di copertura.

Dzeko 7,5: Sarà anche discontinuo, con la mentalità non da leader, ma quanto è forte Edin Dzeko. Numeri spaventosi in giallorosso: 80 gol in 150 presenze. 5 in 2 partite in questa stagione europea. Che dire, chapeau.

Di Francesco 6,5: La vince senza strafare, in modo intelligente, rimettendo i giocatori giusti al posto giusto. Perfetto il suo cammino europeo tra le mura amiche, fatto da 6 vittorie e un pareggio.

Federico Leoni

fonte foto: Corriere dello Sport

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.