Home News La Fiorentina espugna San Siro, Milan battuto per 0-1. Analisi e pagelle

La Fiorentina espugna San Siro, Milan battuto per 0-1. Analisi e pagelle

0

Match dai contenuti tecnici non eccelsi, decide un gran destro di Chiesa

Questo sabato prenatalizio di calcio offre come piatto forte pomeridiano Milan-Fiorentina, la sfida tra due compagini storiche del nostro campionato.

Da una parte i rossoneri di Gattuso per consolidare il quarto posto, dall’altra la giovane Viola di Pioli. I padroni di casa si schierano con un 4-3-3 con il tridente offensivo Suso-Higuain-Castillejo, la Fiorentina risponde con un modulo speculare che vede Mirallas davanti, insieme a Chiesa e Simeone.

Partita subito vivace con Calhanoglu protagonista di un paio di giocate pericolose. Biraghi prova a contenere Suso con una marcatura a uomo “anni ’50”, ma il folletto è bravissimo a divincolarsi. Al 29’, proprio sugli sviluppi di un’azione orchestrata dallo spagnolo, Rodriguez sfodera una bomba che Lafont riesce a respingere, rifugiandosi in angolo.

La Fiorentina si difende con attenzione, ma non riesce a pungere con iniziative efficaci. Dopo anonime fasi di gioco, l’altra grossa occasione per i padroni di casa arriva al 43’: Calhanoglu ha la palla giusta, ma Milenkovic respinge sulla linea di porta. Vince la noia nel primo tempo e, quando l’arbitro fischia, il risultato è inchiodato sullo 0-0.

La ripresa si apre con una Fiorentina più pimpante che prova a mettere pressione al Milan. I rossoneri rispondono con una manovra confusa, ma vigorosa, che porta alla conclusione Calabria al 49’, il tiro finisce fuori. Un minuto dopo una buona incursione di Benassi produce un ottimo cross per Mirallas che, in area, spara alto.

Al 53’ Suso dribbla come birilli due difensori della Fiorentina e calcia forte verso Lafont, il francese respinge bene.

I viola provano a rallentare il ritmo imposto dal Milan, e i rossoneri si imballano. Gattuso decide allora di inserire Cutrone per Mauri e Laxalt per il deludentissimo Castillejo. Il tecnico calabrese tenta così di dare nuova linfa alla squadra.

Al 72’ arriva invece la doccia fredda per i milanisti: Chiesa, fino a quel momento assente ingiustificato dalla partita, dribbla secco Calabria e dai 25 metri lascia partire un destro che buca imparabilmente Donnarumma. 0-1 per la Viola.

Gattuso si risolve a buttare nella mischia anche Conti, al posto di Abate, dopo più di un anno di assenza dai campi. All’83’ Rodriguez ci prova di testa, ma un sontuoso Lafont dice ancora di no. Nel finale Cutrone cerca in qualche modo la segnatura, tuttavia il pareggio non arriva. La Fiorentina vince 0-1 a San Siro.

Male il Milan che butta via un’occasione importante per difendere il quarto posto. Poco gioco, attaccanti smarriti. Maldini e Leonardo dovranno lavorare per tre-quattro rinforzi di peso.

Va benissimo alla Fiorentina che crea poco, ma lotta tanto. Alla fine viene premiata dallo splendido goal di Chiesa. Pioli gongola.

Le dichiarazioni di Gattuso

Il tecnico rossonero esprime tutto il suo rammarico:”Bisogna essere lucidi, dobbiamo capire come migliorare ed uscire da questa situazione. È inutile gridare ed alzare la voce, dobbiamo chiudere bene l’anno. Non è un momento positivo ma non voglio sentir parlare di scuse. Ci mettiamo tutti la faccia e ci assumeremo le responsabilità.

Le pagelle del Milan

Donnarumma 5,5: Attento, viene punito dal gran destro di Chiesa .

Abate 6,5: Chiusure puntuali e preziosi lanci per le ripartenze della squadra. Bravo (Dall’82’ Conti s.v.).

Zapata 6: Ordinato, non commette errori.

Romagnoli 6: Come il compagno di reparto, con una qualità nel disimpegno superiore.

Rodriguez 6,5: Spinge bene sulla sua corsia ed è uno dei migliori del Milan.

Calabria 5: Adattato per necessità nel cuore del centrocampo, fatica a prendere le misure del ruolo. Si fa inchiodare da Chiesa in dribbling e apre la via alla rete che decide la gara.

Mauri 6: Lotta nella mediana, ma non riesce a dare qualità (Dal 67’ Cutrone 5: impalpabile).

Calhanoglu 5,5: Grandi numeri e amnesie incredibili. Un mistero.

Suso 6,5: Sembra giocare un altro calcio rispetto ai compagni, predica nel deserto o quasi.

Higuain 5,5: Non sta bene fisicamente e si vede. Imballato.

Castillejo 5: Tanto fumo là davanti, pochissima sostanza (Dal 68’ Laxalt 5,5: Corre tanto, non sempre in maniera efficace).

Gattuso 5,5: Il Milan è allergico alla continuità, la colpa è inevitabilmente anche dell’allenatore.

Antonio Soriero

(Fonte dell’immagine: ilmessaggero.it)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.