Home News La Fiorentina cade ancora, il Lecce fa bottino pieno al Franchi

La Fiorentina cade ancora, il Lecce fa bottino pieno al Franchi

0
Fonte sport.sky.it

Finisce 1-0 per i salentini la gara di Firenze in quella che è la terza sconfitta consecutiva per i viola ormai in crisi nera. Continuano le indicazioni positive per i giallorossi di Liverani che non vincevano dal 25 settembre

Torna ad accendersi la parte calcistica di Firenze. Dopo due partite lontana dalle mura amiche la Fiorentina vuole scacciare il brutto periodo che la vede senza vittorie da un mese. Nelle ultime due trasferte sono arrivate altrettante sconfitte, ecco che il fattore campo prova ad arrivare in soccorso dei viola. Davanti a loro un cliente scomodo il Lecce di Liverani che ha creato grattacapi anche alle migliori squadre. L’ultima vittima il lanciatissimo Cagliari che è stato costretto al pari nell’ultimo turno al Via del Mare. Montella deve rinunciare a Pezzella e Chiesa, in attacco insieme a Ribery confermato Vlahovic, dietro spazio per Ceccherini. Giallorossi che devono fare a meno di Lapadula squalificato, davanti ecco Farias con La Mantia, Shakhov agirà alle loro spalle. Arbitro della sfida Piccinini.

La Fiorentina parte con il piede sull’acceleratore e il Lecce è costretto dietro. Il primo squillo verso la porta di Gabriel lo porta Milenkovic al 4′, il difensore prova un diagonale dalla sinistra, bravo il portiere a respingere. Stessa zona, un po’ più defilata, al minuto 11 per Lirola che incrocia anche lui, sfera fuori di poco. I giallorossi non riescono ad affacciarsi dalle parti di Dragowski. Al 39′ cross di Lirola e colpo di testa di Dalbert, Gabriel osserva la palla sfilare fuori non di molto. Poco prima dell’intervallo arrivano le brutte notizie in casa viola, Ribery si fa male alla caviglia e non potrà rientrare in campo.

Sarà Kevin Prince Boateng a prendere il posto del francese a inizio ripresa. Come un fulmine a ciel sereno al 50′ ecco il Lecce. La squadra giallorossa lavora un pallone sulla sinistra d’attacco, Farias imbuca per Shakhov il quale chiude dentro per l’accorrente La Mantia che di testa mette dentro a porta vuota. Doccia gelata per la Fiorentina, in delirio i tifosi leccesi accorsi a Firenze. I viola si gettano alla ricerca del pareggio ma la porta di Gabriel sembra stregata.

Dopo due minuti dal gol cross di Dalbert, Vlahovic si avvita nell’area piccola colpendo di testa ma il riflesso dell’estremo giallorosso è portentoso, palla respinta. Passano altri 120 secondi e ancora l’attaccante classe 2000 liberato al limite dell’area da Boateng incrocia con il sinistro, strepitoso Gabriel a deviare in angolo. Dal susseguente corner svetta Milenkovic che colpisce la palla, questa attraversa tutto lo specchio della porta e termina sul fondo.

Il pallone non vuole proprio entrare. Al 71′ ancora Dalbert dentro per Vlahovic, tiro di prima intenzione dall’altezza del dischetto e sfera che sorvola la traversa. I minuti passano, il Lecce inizia a pregustare i tre punti. All’89’ lancio dalle retrovie giallorosse, Ceccherini in vantaggio su Babacar si fa anticipare dall’attaccante che si invola solo davanti a Dragowski. Il numero 30 salentino conclude, però, debolmente e tiene in vita la Fiorentina. Non succede più nulla, il triplice fischio di Piccinini sancisce la crisi viola che non vince dal 30 ottobre, dopo Cagliari e Verona perde ancora. Il Lecce invece compie un’autentica impresa prendendosi tre punti dopo oltre due mesi in una partita fatta di difesa e ripartenze. Liverani può sicuramente ritenersi soddisfatto.

Glauco Dusso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.