Home News Kung-fu Pandev stende il Sassuolo, primo sorriso per Nicola

Kung-fu Pandev stende il Sassuolo, primo sorriso per Nicola

1
Fonte sport.sky.it

Finisce 2-1 per il Genoa la sfida di Marassi, decide un gol del macedone a pochi minuti dal termine che regala al nuovo tecnico i tre punti

Scatta il 2020 di Genoa e Sassuolo. I rossoblu accolgono tre ritorni: uno è Nicola, tornato sulla panchina del Grifone dopo l’esonero di Thiago Motta; poi ci sono Perin e Destro, il primo esordirà tra i pali e il secondo va in panchina. De Zerbi dal canto suo vuole confermare quanto di buono visto fino ad ora e cancellare la beffa della sconfitta all’ultimo minuto con il Napoli. Nel Genoa torna dall’inizio Sturaro in mezzo al campo mentre in attacco Sanabria è preferito a Pinamonti e farà coppia con Pandev. Neroverdi che scendono in campo con il terzetto dietro Caputo formato da Boga, Duncan e Traorè. Arbitra la sfida Irrati.

Primo squillo del Sassuolo dopo sei minuti con Locatelli che pesca Traorè, quest’ultimo di testa trova pronto Perin. Dopo la chance per gli ospiti torna l’equilibrio con le squadre che si studiano. Mette fuori la testa al Genoa, al 28′ trovato Sanabria in area, l’argentino prova a liberarsi ma viene toccato da Obiang. Per l’arbitro è fallo, calcio di rigore per i padroni di casa. Qualche dubbio ma il direttore di gara è deciso. Dal dischetto va sempre Criscito, il capitano rossoblu è freddissimo, Consigli battuto e Genoa in vantaggio. Il Grifone è ora convinto dei propri mezzi e poco dopo lo stesso Sanabria ha una buona palla, il suo tiro però è deviato.

Al 33′ il Sassuolo fa vedere il perchè di tanti elogi. Azione dalla destra e con una serie di passaggi la sfera arriva in area a Caputo che serve Locatelli il quale a sua volta scarica per l’accorrente Obiang. Il centrocampista conclude in porta e Perin non può nulla, pareggio neroverde. Il Genoa non si scoraggia e risponde tre minuti dopo. Gran palla di Jagiello per Sturaro che dentro l’area conclude di prima intenzione, bravo Consigli a respingere, sulla ribattuta è lo stesso Sturaro a provarci ma decisivo ancora l’estremo avversario. Primo tempo gradevole, si va all’intervallo sull’1-1.

La ripresa, che tutti aspettavano viva dopo una prima parte interessante, delude le attese. Il Sassuolo si fa preferire ma di occasioni vere e proprie se ne vedono poche. Alla mezz’ora il primo sussulto significativo. Djuricic, entrato al posto di Duncan, viene liberato a centro area, vince un rimpallo e mette la palla in rete. Irrati, però, viene richiamato al Var: fallo di mano dell’attaccante e gol annullato, ma anche in questa occasione c’è più di un dubbio.

All’86’ Criscito contende un pallone al limite dell’area al neoentrato Berardi, ne esce vincitore il rossoblu. Parte il contropiede genoano, Favilli, che ha sostituito Sanabria, taglia l’area con un cross basso, Pandev si avventa sulla sfera e in contrasto con Consigli si ritrova il pallone sulla testa e cadendo lo spinge in rete. Marassi esplode, il Grifone è in vantaggio. Proteste emiliane per il presunto fallo su Berardi a inizio azione. Il gol è invece confermato. Tre minuti dopo ancora contropiede rossoblu, conclude dalla distanza Favilli ma Consigli respinge. Dopo sei minuti di recupero Irrati fischia la fine, vince il Genoa.

Grande esordio per Nicola, grande rammarico e qualche protesta per De Zerbi. I rossoblu lasciano l’ultimo posto alla Spal.

Glauco Dusso

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.