Home News Juventus, Ronaldo miglior giocatore della Serie A. E la sorella attacca van...

Juventus, Ronaldo miglior giocatore della Serie A. E la sorella attacca van Dijk: “Sei un frustrato”

0

CR7 è stato premiato durante il Gran Galà del Calcio, organizzato dall’Aic a Milano: “Per me è motivo di orgoglio”. La sua contemporanea assenza alla cerimonia del Pallone d’Oro ha creato tante polemiche: botta e risposta tra il difensore del Liverpool e Katia Aveiro

TORINO – La serata dei premi e delle polemiche. Lunedì 2 dicembre, praticamente in contemporanea, si sono svolte le cerimonie del Pallone d’oro a Parigi e quella del Gran Galà del Calcio a Milano. Se Messi si è aggiudicato il sesto trofeo della sua carriera come miglior giocatore del 2019 lasciando a 5 Cristiano Ronaldo, lo stesso portoghese è stato eletto come miglior calciatore della Serie A della scorsa stagione, ma la sua scelta di presenziare l’evento dell’Aic e non quello di ‘France Football’ ha creato tante polemiche.

Non è la prima volta che il fenomeno portoghese diserta cerimonie in cui non è lui il vincitore (era successo nell’agosto 2018 quando la Uefa gli preferì Modric come ‘Player of the year’). Questa volta tuttavia l’alibi era di ferro perché doveva appunto ritirare il premio, anche se meno prestigioso, a Milano. “Per me è un orgoglio essere il miglior giocatore della Serie A – è il messaggio dell’attaccante portoghese sui social – Ringrazio i miei compagni della Juve e tutti i giocatori che mi hanno votato. Lo scorso è stato il mio primo anno in Italia, un campionato difficile però sono molto contento”. Ma a scatenare il putiferio sono state le dichiarazioni del difensore del Liverpool, Virgil van Dijk (secondo classificato dietro a Messi per appena 7 punti), che ha commentato ironicamente l’assenza di CR7: “Se avevo più possibilità di vincere senza di lui? Perchè, era un rivale?”.

Apriti cielo. La battuta non è affatto piaciuta alla famiglia di Ronaldo. A prendere le difese di Cristiano è stata soprattutto la sorella Katia Aveiro con un post durissimo su Instagran nei confronti del difensore olandese: ” Ci sono persone frustrate, che vivono fuori dalla realtà e senza umiltà. Caro Virgil, dove stai andando? Cristiano Ronaldo è già andato ed è venuto mille volte… Vedi, mio caro Virgil, Cristiano ha trionfato tre volte nel Paese in cui giochi da anni, lì è stato il miglior giocatore e marcatore, mentre tu non hai ancora vinto la Premier. A proposito, a quel tempo era anche più giovane di te. E caro Virgil, Cristiano è andato in altri Paesi ed è diventato il più grande giocatore nella storia di un piccolo club: Real Madrid, ti dice qualcosa? Forse sì, perché ti ha persino battuto in una finale di Champions. Di Coppe di quel tipo Ronaldo ne ha già 5. E sempre Ronaldo ha schiacciato la tua ‘arancia’ in finale (di Nations League, ndr). È stato difficile, Virgil? Abbiamo pietà… E, caro Virgil, in uno dei periodi meno vincenti della sua carriera, Cristiano ha vinto ancora più titoli di te. Fantastico, vero? Ora, Virgil, devi vincere i titoli che contano davvero e poi parleremo. Quando ne avrai una manciata, davvero importanti, potresti sederti al tavolo con Cristiano”.

In precedenza l’altra sorella dell’attaccante della Juventus, Elma dos Santos, aveva criticato la scelta di dare il premio a Messi. “Non ho nulla contro questo ragazzo – scrive in un post su Instagram poi cancellato – ma non so cosa abbia vinto più di mio fratello. Forse questo premio viene dato alla persona e mai al professionista. Questo dimostra solo che siamo davvero molto piccoli…”.

Parlando di Juventus, c’è la delicata trasferta in casa della Lazio da preparare. I biancocelesti sono reduci da sei vittorie consecutive, mentre i bianconeri, dopo il passo falso contro il Sassuolo, hanno ceduto il primato in classifica all’Inter, impegnata venerdì sera a San Siro contro la Roma. Un doppio incrocio che potrà dare risposte importanti sulla lotta scudetto, come su quella Champions. Probabile che, in attacco, al fianco di CR7 ci sia Dybala, l’uomo più in forma a disposizione di Sarri. Anche perché, con la certezza del primo posto nel girone di Champions, la trasferta di Leverkusen è poco più di una formalità e per una volta il turnover potrebbe avvenire proprio in Europa.

Fonte foto: sportfair.it

Francesco Carci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.