Home News Juve-Bologna, dalle stelle alle spalle (di Cristiano). Torna Sinisa!

Juve-Bologna, dalle stelle alle spalle (di Cristiano). Torna Sinisa!

1

Il tecnico del Bologna è partito per Torino e sarà in campo stasera meteo permettendo. Sarri farà a meno di Douglas Costa e pensa all’HDR

Sinisa Mihajlovic sarà in panchina contro la Juve. E’ questa la notizia principale all’alba dell’ottava giornata di Serie A: il tecnico rossoblù ha concluso il secondo ciclo di chemioterapie all’ospedale Sant’Orsola di Bologna e ha diretto gli ultimi due allenamenti dei suoi. L’unico ostacolo al ritorno in panchina del serbo potrebbe essere il meteo, che sarà una discriminante da valutare stasera.

Maurizio Sarri ha speso belle parole ieri in conferenza, rivelando che è impaziente di vederlo nuovamente in campo con una squadra che è “molto difficile da affrontare”. Soprattutto se tra le proprie fila non compare il nome di Douglas Costa ad animare l’attacco bianconero: brasiliano ancora out.

Costa a parte, i problemi di Sarri rimangono sempre e comunque di abbondanza. In porta, pare l’abbia spuntata la leggenda vivente Buffon che difenderà i pali dietro alla coppia de Ligt-Bonucci. Se Alex Sandro non è in dubbio, a destra potrebbe toccare ancora a Cuadrado, autentica sorpresa tattica di quest’inizio di stagione bianconera. Non da escludere comunque l’impiego del rientrante Danilo dal 1′.

Il centrocampo di stasera sarà quello consueto con Pjanic, Khedira e Matuidi, quest’ultimo elogiato dal suo mister per l’apporto costante che riesce a dare nell’arco dei 90 minuti.

E’ invece l’ottica offensiva quella che più stuzzica squadra e tifosi: dietro alla stella Ronaldo potrebbe agire Bernardeschi, rinfrescato dalle partite (e i gol) in nazionale ma anche Ramsey ha dimostrato affidabilità e i due si giocano il posto. A fianco di CR7 uno tra Dybala e Higuain, con il secondo leggermente favorito sul primo.
Ma il pensiero insito nelle fantasie dell’universo bianconero è sempre quello: HDR con i due argentini ad affiancare il portoghese. A Milano si sono visti per (soli) 10 minuti e chissà che non possa essere il futuro del Sarrismo 2.0.

Renato De Filippi

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.