Home News Il Verona inciampa in amichevole ma Juric è tranquillo, il mercato però...

Il Verona inciampa in amichevole ma Juric è tranquillo, il mercato però non decolla

1
Fonte tgGialloblu.it

Gli scaligeri non vanno oltre il pareggio nel secondo test estivo, il mister minimizza e aspetta qualche regalo dalla dirigenza

Inizia in altalena l’estate del Verona, quella che segna il ritorno immediato in serie A. Dopo una prima amichevole abbastanza agevole vinta 12-0 con il Primiero, con poker di Pazzini, ecco i primi scricchiolii. Il secondo match disputato martedì contro il Top 22 del Calcio Dilettante è finito 1-1, lasciando non poche perplessità negli occhi dei tifosi gialloblu. Passati in vantaggio grazie a Di Carmine gli uomini di Juric non hanno saputo capitalizzare altre occasioni da rete create subendo poi il pareggio di Righetti nella ripresa.

C’è ancora molto da lavorare, come ha sottolineato lo stesso Juric nel post gara. Ecco alcune parole del mister dopo la partita: “Non sono riuscito a vedere ciò che avrei voluto, ma capisco che il lavoro sia tanto e le gambe siano pesanti. Si passa anche da queste partite in cui si vede proprio che si fa fatica ad andare e sono comprensibili, le ho già vissute in passato, i calciatori hanno bisogno di assimilare i carichi. Oggi non si è visto molto. Magari nel secondo tempo c’era più circolazione ma abbiamo sbagliato troppo tecnicamente. I giocatori si devono anche abituare a quello che chiedo loro“.

Certo è che il mercato ancora non ha regalato grossi sussulti in casa veronese. Gli arrivi di Bocchetti, Miguel Veloso e Gunter non hanno scaldato i cuori dei sostenitori che ancora aspettano qualche colpo ad effetto. In questi ultimi giorni sono arrivati a Verona anche Badu dall’Udinese, che deve ritrovare la forma migliore dopo stagioni da convalescente, e il portiere Radunovic dall’Atalanta.

La batteria degli ex genoani e quindi fedelissimi di Juric è già molto folta ma potrebbe aumentare ancora. Uno dei papabili obiettivi dell’Hellas potrebbe essere proprio Darko Lazovic da poco svincolato dal Genoa. L’esterno, bocciato da Andreazzoli, sarebbe l’ideale per i moduli che Juric ha in mente per il suo Verona. Il giocatore serbo, elemento di sicura qualità, accetterebbe di buon grado vista anche la sicura titolarità nel progetto gialloblu.

Da non sottovalutare un altro ex rossoblu, rientrato dal prestito dello scorso anno. Si tratta di Daniel Bessa che molto aveva impressionato con la maglia del Grifone. Il centrocampista italo-brasiliano è stato tra i più positivi nelle prime uscite del Verona e potrebbe essere un altro elemento chiave dello scacchiere del tecnico croato. Inevitabile ci si aspetti qualche altro sforzo dalla dirigenza, il tempo comunque c’è ancora. Calendario alla mano manca ancora più di un mese allo start della nuova serie A.

Glauco Dusso

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.