Home News Il pessimo inizio in casa Manchester United

Il pessimo inizio in casa Manchester United

   Tempo di lettura 2 minuti

I Red Devils si trovano al decimo posto in Premier League con 9 punti di distanza dai cugini dei Citizens

In quel di Manchester, sponda United, il clima è tutto meno che sereno. Ad inizio stagione le aspettative erano molto alte visto il buon terzo posto dell’anno passato ma, in 10 partite, i Red Devils hanno vinto solo in 4. Ciò ha portato la squadra all’ultimo posto nel girone di Champions League e al decimo posto in Premier League, con nove lunghezze di svantaggio rispetto alla vetta. In campionato il Manchester ha perso scontri diretti contro Arsenal, Tottenham e Brighton mentre in Champions, oltre alla sconfitta per 4-3 contro il Bayern Monaco, è uscito battuto anche nella sfida di ieri al Galatasaray, complicando e non poco il passaggio del turno.

Ovviamente tutti gli occhi, e le accuse, sono su ten Hag. L’allenatore olandese ha avuto carta bianca nel mercato estivo, prendendo anche decisioni spigolose come quella di lasciar partire a zero David de Gea dopo 12 anni di militanza. Gli acquisti più importanti sono stati sicuramente Hojlund (75 mln), Mount (65 mln) e Onana (52 mln) ma, escludendo i 3 gol del danese in Champions League, non stando dando ciò per cui sono stati acquistati. Il portiere sta avendo un rendimento molto altalenante mentre l’ex Chelsea sembrerebbe non essere entrato ancora nei meccanismi di ten Hag. Nello scorso mercato sono arrivati anche Amrabat, prestito a 10 milioni con diritto di riscatto a 20 più 5 di bonus, Reguillon, in prestito dal Tottenham. Nessuno dei due però ha inciso in questo inizio di stagione.

Hojlund in Manchester United-Galatasaray 2-3

A ‘giustificare’ questo brutto inizio sono gli infortuni. Inoltre questioni come quella di Sancho, bandito dal centro sportivo da ten Hag per un atteggiamento inadatto, e di Antony, accusato di violenza dall’ex ragazza e rientrato da poco a disposizione del mister, possono destabilizzare ulteriormente lo spogliatoio. A far sorridere l’allenatore in questo momento negativo può essere il buon rendimento di Hojlund che, dopo l’infortunio di inizio stagione, sta iniziando a segnare.

Non è ovviamente tutto da buttare o almeno non è il momento di farlo. La squadra, infortuni permettendo, penso sia in grado di ripetere la scorsa stagione anche se forse le ambizioni di vincere la Premier League erano un po’ eccessive.

Fonte Foto: Getty Images

Davide Farina

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.