Home News Il Napoli rompe le righe ma prepara l’assalto alla Juventus

Il Napoli rompe le righe ma prepara l’assalto alla Juventus

0
Fonte it.eurosport.com

La pausa per le nazionali interrompe momentaneamente la rincorsa dei partenopei ai campioni d’Italia, magari con un po’ di rammarico vista la marcia da record impressa al torneo dalla rosa di Ancelotti, finalmente tutta coinvolta

La vittoriosa “nuotata” in quel di Genova ha chiuso il ciclo di match da sosta a sosta per il Napoli. Il bilancio delle ultime quattro gare è più che positivo, infatti da una pausa all’altra sono arrivate tre vittorie e un pareggio. Carlo Ancelotti nel recente passato ha confermato di poter gestire al meglio il doppio impegno tra campionato e coppa. Il continuo ricambio di giocatori ha coinvolto la maggior parte della rosa; l’atteggiamento del mister ha sicuramente rinfrancato gli animi di giocatori che, soprattutto l’anno scorso, sono stati poco utilizzati. Questa è la principale differenza tra la filosofia ancelottiana e il famoso Sarrismo: coinvolgimento del massimo numero di giocatori disponibili, cosa sconosciuta negli anni passati.

Il tecnico partenopeo, che ha raccolto una scomoda eredità, ha dimostrato la sua caratura essendo entrato in punta di piedi nella realtà napoletana. La posizione a sei lunghezze dietro i marziani juventini e il girone di ferro con la qualificazione ancora alla portata sono i sintomi che la strada intrapresa è quella giusta. Chi ne ha beneficiato di più è sicuramente Lorenzo Insigne, al centro del progetto e goleador della squadra con la nuova posizione affidatagli. Altra pedina che sta diventando fondamentale è Fabian Ruiz. Arrivato in sordina, nonostante la cifra importante versata al Betis, col passare delle partite si è conquistato un posto al sole. A farne le spese è Zielinski che sembrava inizialmente in vantaggio nelle gerarchie. Lo spagnolo, dotato di un sinistro educatissimo, sta facendo faville come esterno mancino nell’atipico 4-4-2 di Ancelotti.

Altro sorpasso è quello di Dries Mertens su Arek Milik. A inizio stagione sembrava che Ancelotti non potesse rinunciare alla punta di peso. Il folletto belga, però, ogni volta che ha messo piede in campo ha incantato mentre il panzer polacco è scivolato mano mano più fuori. Ora l’alternanza tra i due continua anche se pare ormai Mertens il titolare nelle partite che contano. Ancelotti, però, ha fatto capire che niente è precluso a nessuno, chi dimostra di essere più in palla ha la precedenza. Così tutta la rosa può dimostrare il proprio valore. Da non sottovalutare, infatti, anche l’ascesa di giocatori come Maksimovic, Malcuit e Rog. Senza contare che a breve verrà reinserito un certo Ghoulam. Aspettiamo le prossime puntate, si riprende il 25 novembre contro il nuovo Chievo targato Di Carlo.

Glauco Dusso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.