Home News Il Frosinone veleggia verso la promozione, favola Sudtirol, totale incertezza in coda:...

Il Frosinone veleggia verso la promozione, favola Sudtirol, totale incertezza in coda: ecco gli spunti dalla serie B

Fonte sevenpress.com
   Tempo di lettura 4 minuti

Il campionato cadetto dopo 23 giornate si conferma combattutissimo in ogni posizione eccezion fatta per la capolista che sembra ormai scappata

Fabio Grosso non si può più nascondere. L’ultima giornata ha sancito probabilmente la fuga decisiva del Frosinone che ormai può contare 11 lunghezze sulla seconda Genoa e 12 punti sulla terza in classifica la Reggina quando alla fine mancano 15 turni. Artefice di questa situazione l’ultima giornata disputata nel weekend scorso: i ciociari hanno espugnato il campo del Como (0-2) mentre le inseguitrici sono cadute rovinosamente lontano dalle mura amiche. Il Genoa ha consegnato le armi al Tardini contro un Parma sull’ottovolante che passa da una sconfitta a una vittoria pesante nel giro di una settimana. Il 2-0 in Emilia tarpa le ali a Gilardino e i suoi. Se il campione del mondo rossoblù piange non ride nemmeno quello amaranto. Pippo Inzaghi e la sua Reggina, infatti, cadono in Sicilia al cospetto del Palermo per 2-1, col bomber Brunori ancora a segno e primo in classifica marcatori assieme a Cheddira del Bari.

Alle spalle del terzetto in testa ecco arrivare inaspettata la sorpresa dell’anno. Il Sudtirol non si ferma più e vincendo in casa del Pisa si va a posizionare a un punto dal terzo e due dal secondo a quota 38. Si tratta della quarta vittoria consecutiva per gli uomini di Bisoli che stanno vivendo in un vero e proprio stato di grazia. La zona playoff si arricchisce del Bari (36 pt.) che vince a Ferrara con la Spal con un pirotecnico 4-3. Da segnalare per gli spallini di De Rossi l’esordio, anche se amaro, di Nainggolan condito da un assist e un gol. Dietro i pugliesi ecco appunto Palermo (34 pt.) e Parma (33 pt.). Chiude l’ultimo posto disponibile per gli spareggi, a pari punti con gli emiliani, la Ternana di Andreazzoli (33 pt.) che sabato ha pareggiato a reti bianche in casa del Cosenza.

Appena fuori dai playoff c’è, un punto sotto, il Cagliari di Claudio Ranieri che venerdì scorso ha dovuto subire la prima sconfitta della sua gestione. 2-0 il risultato finale in quel di Modena a favore dei canarini. Decisiva l’espulsione di Rog nel primo tempo. Lo stesso Modena aggancia il Pisa proprio a una lunghezza dal Cagliari, quota 31 per loro.

Da lì parte un solco di quattro punti che apre la zona calda delle squadre che lottano per non retrocedere ed evitare lo spauracchio playout. Si inizia dal Cittadella (27 pt.) che ha surclassato tra le mura amiche l’Ascoli per 3-0, partita costata il posto a Cristian Bucchi sulla panchina bianconera. Appaiate a 26 insieme all’Ascoli ecco Perugia e Como, rigenerato da Castori, vincente per 4-0 al Curi sul Brescia, altra gara fatale per un altro mister. Si tratta di Pep Clotet che ha lasciato il posto a Possanzini. Proprio le rondinelle seguono a 25 mentre l’accoppiata Spal – Venezia rincorre a 24. Detto dei ferraresi, i lagunari prendono ossigeno espugnando Benevento per 2-1 e condannando all’esonero Fabio Cannavaro.

Chiudono la classifica proprio le Streghe e il Cosenza, rispettivamente a 23 e 22. Insomma una lotta nelle sabbie mobili che vede 9 squadre in 5 punti, mai vista una simile bagarre nelle parti basse di classifica. Si sa, la serie B riserva questo ed altro, saranno 15 giornate tutte da vivere.

Glauco Dusso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.