Home News Il calcio? Roba per chi gioca Semplici

Il calcio? Roba per chi gioca Semplici

1

Gli estensi in piena lotta salvezza, prossima sfida contro il Frosinone di Baroni

La SPAL sta dimostrando di essere una delle realtà più interessanti della Serie A. La classifica non le rende giustizia perché, per gioco e organico, la formazione di Leonardo Semplici dovrebbe stare un bel po’ più su.

Invece il presente recita chiaramente: punti in classifica 26 ovvero solo due lunghezze di vantaggio sul vivissimo Bologna di Sinisa Mihajlovic.

La compagine estense ha patito diverse sviste arbitrali nel corso di questa tribolata stagione (ad esempio, in molti ricorderanno la bufera che ha fatto seguito all’ultimo SPAL-Fiorentina).

Adesso è costretta a lottare con il coltello tra i denti per scongiurare una retrocessione che avrebbe il sapore amaro dell’ingiustizia. La piazza è infatti di quelle storicamente importanti per la Serie A e il presidente Mattioli ha compiuto grossi sforzi per allestire un organico competitivo e di prospettiva.

Il prossimo turno di campionato proporrà uno scontro diretto contro il Frosinone di Baroni, che vivrà questa gara come l’ultima chance credibile per rimanere aggrappati al treno della massima divisione.

Gli estensi si presenteranno con gli “uomini copertina” Fares e Petagna che hanno davvero ben figurato contro la Roma nell’ultima uscita casalinga. I due giocatori sono stati artefici del successo spallino, maturato grazie a un colpo di testa di Fares in prepotente elevazione e a un rigore siglato da Petagna.

In pochi avrebbero scommesso su un successo dei padroni di casa, ma il carattere e la voglia di stupire dalle parti di Ferrara non mancano. La Roma ci ha certamente messo del suo, giocando a ritmi lenti e senza un’idea precisa di calcio, visto anche l’avvicendamento in panchina tra Ranieri e Di Francesco.

Tuttavia, contro i capitolini, la SPAL è piaciuta anche in difesa. L’esperienza tra i pali di Viviano comincia a farsi sentire e la “cattiveria” agonistica di Vicari e Bonifazi sta provando a fare il resto.

Semplici può approfittare della pausa imposta dalle nazionali per ragionare al meglio sulle misure da adottare per contenere la voglia di rivalsa del Frosinone.

Il mister potrebbe decidere di lasciare l’iniziativa ai ciociari, per cercare di punirli poi con le rapide controffensive che così bene riescono ai suoi uomini.

Uscire dal “Benito Stirpe” con uno o tre punti consentirebbe agli estensi di balzare fuori dalla convulsa zona rossa e di affrontare con maggiore tranquillità il successivo confronto interno contro la temibile Lazio di Simone Inzaghi.

Antonio Soriero

(Fonte dell’immagine: itasportpress.it)

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.