Home News Higuain giustizia il Chievo, il Milan vince ancora: analisi e pagelle

Higuain giustizia il Chievo, il Milan vince ancora: analisi e pagelle

0
CONDIVIDI

Finisce 3-1 per i rossoneri il match del Meazza che grazie a una doppietta dell’argentino e a un gol di Bonaventura colgono tre punti importanti per il prosieguo del proprio campionato dopo l’ottava giornata

Il Milan cala il tris. Tre come le reti segnate oggi, tre come le vittorie consecutive tra Europa League e campionato. Il Chievo non offre una grande resistenza, anzi i clivensi dimostrano ancora una volta che il fantastico meccanismo visto nelle annate precedenti si è inceppato. Gattuso deve fare a meno di Romagnoli, lo rimpiazza Zapata. Il Chievo, falcidiato dalle assenze, propone il sempreverde Pellissier in coppia con Stepinski davanti.

Il Milan prende subito in mano le operazioni e prima Bonaventura con un tiro dalla distanza ma soprattutto Kessie con una conclusione al volo su assist di Biglia, spaventano Sorrentino, bravo a neutralizzare i tentativi avversari. La sfida tra Bonaventura e l’estremo avversario si rinnova al ventesimo, miracoloso il portiere gialloblu, Calhanoglu poi spara alto. Sei minuti più tardi ancora Bonaventura a due passi dalla porta calcia alto su imbeccata di Suso. Il gol è nell’aria e puntuale arriva al 27′: erroraccio di Bani che anticipa il proprio portiere, palla a Suso che la rimette in mezzo per Higuain che insacca. Passano sette minuti ed ecco il raddoppio: Suso verticalizza per lo stesso Pipita, l’argentino in tranquillità fredda Sorrentino in uscita, 2-0. Gara chiusa o quasi.

La ripresa si apre con lo stesso canovaccio e dopo un tiro di Abate respinto da Sorrentino ecco il 3-0: al 56′ Bonaventura riceve al limite dell’area e dopo una finta conclude in porta, la palla, complice la deviazione di un difensore, finisce all’angolino basso, niente da fare per il portiere. La partita si abbassa di ritmo e il Chievo ha un sussulto al 63′: palla in verticale per Pellissier che con un destro chirurgico trafigge Donnarumma, inoperoso, a fil di palo. Il 3-1 non cambia le cose, la gara si trascina senza altre emozioni fino al triplice fischio dell’arbitro.

Vittoria importante per gli uomini di Gattuso che danno continuità agli ultimi risultati, soprattutto arrivando in fiducia al derby con l’Inter che avrà luogo dopo la sosta. Higuain sempre più decisivo e parte integrante della squadra, letale la sua intesa con Suso.

Il Chievo incassa l’ennesima sconfitta e non smuove una classifica, complice anche la penalizzazione, davvero negativa. La posizione di D’Anna si fa pericolante anche perchè la sosta potrebbe indurre la società a cambiare in corsa. Vedremo cosa succederà nelle prossime ore, di sicuro la squadra in campo è poca cosa.

Queste le parole di Gennaro Gattuso al termine del match: “Non ci sono mai mancate le prestazioni, ma le vittorie. Noi facciamo un gioco che porta anche a correre qualche rischio perché non rinunciamo mai ad attaccare. Higuain è un campione, un grande realizzatore che si è messo a disposizione del gruppo, si fa voler bene dai compagni e li aiuta. Ci manca Calhanoglu, che sta attraversando un momento non brillante e può contribuire con tanti gol e assist. Provare il 4-4-2 con Cutrone? Mi piacerebbe far tutto, cambiare. Ho le conoscenze, però dobbiamo migliorare a livello difensivo anche se lasciare fuori Cutrone è un dispiacere”.

Pagelle

Donnarumma 6 : le conclusioni dalla sue parti scarseggiano, una delle poche che arriva è imprendibile.

Abate 6,5 : solita spinta importante sulla destra, sfiora anche il gol a inizio ripresa.

Musacchio 6 : l’attacco del Chievo non crea grattacapi, lui amministra in tranquillità.

Zapata 5,5 : come il collega di reparto, impreciso sulla rete di Pellissier.

Rodriguez 6 : presidia la fascia sinistra senza particolari problemi (Dal 42′ del s.t. Laxalt s.v.).

Kessie 6 : i muscoli su cui si reggono squadra e centrocampo, ormai una sicurezza, peccato per la distrazione sul gol avversario.

Biglia 6,5 : buona prova la sua, condita da preziosi assist.

Bonaventura 7 : altro gol e pericolo costante per le difese avversarie (Dal 31′ del s.t. Cutrone 6 : un quarto d’ora di buona volontà).

Calhanoglu 6 : il meno in palla del trio d’attacco ma sufficiente la sua prova.

Higuain 7,5 : doppietta da bomber vero, la differenza con il Milan dell’anno scorso è lui, non molla nulla. Cannibale.

Suso 7,5 : ala mortifera per le difese avversarie, idee e piede vellutato, chiedere ad Higuain. Doppio assist decisivo e pedina fondamentale (Dal 45′ del s.t. Castillejo s.v.).

Gattuso 6,5 : partita non difficile, la sua squadra dimostra di non abbassare la guardia, problema che in passato aveva afflitto il Diavolo.

Glauco Dusso

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.