Home News Fiorentina, da Nedved a Nicchi: tutti contro Commisso

Fiorentina, da Nedved a Nicchi: tutti contro Commisso

1

Lo sfogo del presidente viola contro gli arbitri dopo il match contro la Juventus ha suscitato vibranti polemiche. Durissimo il presidente dell’Aia: “Siamo disgustati”. Pradé rincara la dose sul dirigente bianconero: “Rocco non perda tempo con Pavel”. Iachini unico a gettare acqua sul fuoco: “Stemperiamo i toni”

FIRENZE – Commisso contro gli arbitri e la Juventus. Nedved contro Commisso. Pradé contro Nedved. Nicchi contro Commisso. Juventus-Fiorentina si è giocata su un campo di calcio, ma dopo i 90′ la sfida si è trasferita virtualmente su un ring con dichiarazioni e scambio di accuse pesantissime.

Dopo Juventus-Fiorentina, finita 3-0 per i bianconeri, c’era stato lo sfogo in tv del patron viola Commisso, che non aveva gradito i due rigori assegnati alla Vecchia Signora: “Sono disgustato, gli arbitri non possono decidere le partite. La Juve non ha bisogno di questi aiuti”. Apriti cielo. Immediata era arrivata la replica di Pavel Nedved: “Rispetto Commisso, ma si prenda un tè. Siamo stufi di sentir dire che vinciamo grazie agli arbitri. Basta trovare alibi, ora c’è anche il Var”. A mettere il carico da 90 ci ha pensato poi Marcello Nicchi, presidente dell’Aia, che ha difeso la categoria: “Gli arbitri italiani sono disgustati dalle parole di Commisso”. Il presidente viola ha avuto un colloquio con il numero uno della Figc, Gabriele Gravina. Dopodiché è tornato sull’accaduto: “Ci sono stati episodi contro il Genoa, contro il Napoli, contro l’Inter, e poi contro la Juventus dove sono un po’ scoppiato: forse dovevo scoppiare prima. Gravina è stato carino, non voglio favori, ma soltanto essere rispettato”.

Ma non è tutto perché, a margine della premiazione della Panchina d’Oro a Coverciano (vinta da Gasperini), il ds viola Pradé si è allineato alla linea del proprio presidente: “Ci sono stati episodi arbitrali sfavorevoli, ma non avevamo detto nulla. Commisso però ieri ha difesa il club e la città e questa cosa mi inorgoglisce parecchio”. Poi dura stoccata a Nedved: “Ho detto al presidente di non perdere tempo a parlare con un dirigente come Nedved”.

A smorzare i toni ci ha pensato allora Beppe Iachini, che si traveste da pompiere: “La partita ormai è andata, il presidente ha fatto luce su alcuni episodi che non ci sono piaciuti. Ma adesso torniamo a parlare di campo e a stemperare il clima: concentriamoci sulla sfida di sabato contro l’Atalanta”. Basterà questo appello?

Fonte foto: calcionews24.com, tuttosport.com, corrieredellosport.it,

Francesco Carci

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.