Home News Europa League: una lotta che terrà banco fino alla fine

Europa League: una lotta che terrà banco fino alla fine

0

A dieci giornate dal termine il punto sulla lotta per l’accesso al secondo torneo continentale. Quattro squadre in lizza e una già qualificata

Procede senza esclusione di colpi la lotta per un posto nella prossima Europa League: Roma, Milan, Parma e Verona sono le quattro squadre più accredidate ad aggiudicarsi i due posti a disposizione, in quanto il Napoli è già qualificato, grazie al successo in Coppa Italia. Dunque ne restano quattro, con una classifica che si fa sempre più corta e che nelle prossime giornate vede molti scontri diretti tra le pretendenti.

Prima di analizzare la situazione però, è il caso di fare un accenno al regolamento e chiarire cosa succederà se il Napoli dovesse finire la stagione tra il quarto e il settimo posto. In caso di qualificazione Champions per i partenopei, la quinta e la sesta classificata accederebbero direttamente alla fase a gironi, mentre la settima sarebbe qualificata per i preliminari del torneo. Nel caso in cui il Napoli arrivi sesto – posizione che occupa ora in classifica – la quinta andrebbe ai gironi insieme alla squadra di Gattuso e la settima ai preliminari. Se invece il Napoli si classificasse dal settimo posto in giù, la quinta va ai gironi e la sesta ai preliminari.

La squadra di Gattuso è quella che sta meglio di tutte sia fisicamente che mentalmente, ha una buona organizzazione di gioco e soprattutto è una compagine molto solida. Ha già battuto il Verona 2-0 in uno degli scontri diretti e si appresta ad affrontare la Roma domenica sera al San Paolo, dopo che giovedi avrà fatto visita all’Atalanta. Proprio la partita di Bergamo potrebbe essere uno spartiacque nella stagione dei partenopei, perchè un successo farebbe crescere molto il morale degli azzurri, mentre una sconfitta potrebbe avere l’effetto contrario con ripercussioni anche sulle partite successive.

La Roma sarà spettatrice interessata della sfida di giovedi, sperando di rosicchiare qualche punto all’Atalanta e mantenendone qualcuno di vantaggio proprio sul Napoli, in attesa che lo scontro diretto faccia chiarezza: i giallorossi stanno attraversando una fase intermedia e nonostante abbiano fatto vedere un discreto calcio dalla ripresa del campionato, ad oggi, hanno commesso alcuni errori individuali, specialmente nella partita contro il Milan. Questo match, oltre ad aver evidenziato questo aspetto, ha sancito anche una differenza negli scontri diretti a favore dei rossoneri: infatti con il 2-0 di San Siro, la squadra di Pioli ha ribaltato la sconfitta per 2-1 subita all’andata e in caso di arrivo a pari punti con i giallorossi sarebbe favorita. Il Milan sta bene e dalla ripresa ha continuato a far vedere buoni progressi sotto l’aspetto del gioco e della mentalità e non è da escludere che il ritorno in campo di Ibra possa dare un ulteriore spinta alla squadra di Pioli, facendogli fare ulteriori passi in avanti verso la qualificazione alla prossima Europa League. Ma in caso ci sarebbe da fare un discorso sui conti societari, soprattutto considerando che per lo stesso motivo, il Milan ha rinunciato a partecipare all’attuale edizione dell’Europa League.

E poi ci sono le due outsider Parma e Verona. Due sorprese ma non troppo, entrambe in grado di esprimere un buon calcio e entrambe in grado di dare fastidio alle big. Non ci sarebbe da stupirsi se una o entrambe riuscissero a recuperare il gap dalle squadre che le precedono in classifica. Parma e Verona si affronteranno nel prossimo turno di campionato e il match del Bentegodi ha il sapore di un vero e proprio spareggio, il primo in ordine cronologico tra le quattro pretendenti. All’andata si imposero gli scaligeri per 1-0.

Infine alcuni dati statistici: il Verona è la squadra che tra queste quattro ha la miglior difesa con soli 32 gol subiti, mentre la Roma è quella con il miglior attacco e la peggior difesa: 53 gol all’attivo, contro 38 al passivo. I due peggiori attacchi sono quelli del Milan e dello stesso Hellas, con 34 reti. Dati che si pensa possano cambiare rapidamente giornata dopo giornata.

Leonardo Tardioli

Fonte foto: wincomparator.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.