Home News Edin Dzeko, il Signore in giallo

Edin Dzeko, il Signore in giallo

1
Roma-Napoli

Di recente il bosniaco ha “visto” più ammonizioni che gol e anche in Nazionale è rimasto a secco. La Roma ha bisogno di lui, a partire dalla sfida di domenica contro il Napoli

In un mare di turbolenze giallorosse c’è una buona notizia: Dzeko sta bene. Può sembrare un paradosso ma è meglio accontentarsi visto che l’esodo per le Nazionali ha colpito nel segno ancora una volta. Anche in casa Roma, che di certo non aveva bisogno di aggiungere sulla lista degli infortunati anche i nomi di Florenzi ed El Shaarawy (entrambi ko per problemi al polpaccio). Edin per fortuna torna a casa salvo, i 177 minuti giocati con la maglia della Bosnia (Armenia prima, Grecia poi) non hanno provocato guai fisici. Di certo il morale dell’attaccante non è altissimo. In primis perchè nessuno dei quattro gol segnati dalla Bosnia porta il suo nome. Poi perchè il pareggio in rimonta subito dagli ellenici suona come una sconfitta. Insomma, poteva andar meglio per sè e per la sua Nazionale.

Archiviata la parentesi patriottica, Dzeko torna a Trigoria consapevole che la Roma ha un enorme bisogno di lui per la sfida contro il Napoli di domenica alle 15. Allontanarsi dalla Capitale probabilmente gli è servito per calmare i bollenti spiriti del dopo-Ferrara. Impensabile che in una Roma così tormentata, dentro e fuori dal campo, Ranieri avesse in mente punizioni esemplari per la rissa nell’intervallo di Spal-Roma. Sia per lui che per il Faraone, per cui evidentemente il castigo è comunque arrivato per mano di un destino beffardo.

Una cosa è certa, questa versione dello “Dzeko furioso” l’allenatore testaccino non vorrà più vederla d’ora in avanti. Detto in altri termini, deve darsi una calmata. L’attaccante è infatti stato ammonito nelle ultime quattro partite in cui è sceso in campo: Frosinone, Lazio, Porto e Spal (contro l’Empoli era assente per squalifica dovuta proprio a somma di ammonizioni). E curiosità, anche negli ultimi due precedenti in campionato contro il Napoli ha visto “giallo”, segnando però una memorabile doppietta nel successo capitolino al San Paolo per 4-2 datato 3 marzo 2018.

In passato a Dzeko si rimproverava un atteggiamento in campo troppo passivo, critiche spazzate poi via a suon di gol. Oggi, al contrario, il numero nove giallorosso fatica a contenere rabbia e frustrazione per una stagione che sta scappando via tra tante delusioni. Lui sa di non essere esente da colpe, 7 reti per uno come lui sono briciole. Ma sa anche che fare il salvatore della patria in una squadra che non lo assiste a dovere non è semplice. Nelle dieci giornate che mancano alla fine del campionato dovrà dimostrare di mantenere i nervi saldi per buttarla dentro e basta, aiutando la Roma a rientrare nel giro Champions. Più gol, meno cartellini. Il futuro, se sarà Inter oppure no, può attendere. Quello sarà un altro… giallo.

Fonte foto: pagineromaniste.com

Federico Vitaletti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.