Home News E’ tornato Neuer

E’ tornato Neuer

0

Falcidiato dagli infortuni negli ultimi anni, il trentaquattrenne portierone tedesco sta vivendo una seconda giovinezza ed è più in forma che mai

“L’unica cosa più difficile di diventare il numero uno al mondo è di ri-diventarlo una seconda volta”. Così parlava André Agassi, fenomeno del tennis, nella sua autobiografia Open. Pur essendo uno sport di squadra anche il calcio ha i suoi numeri uno e tra questi, di ruolo e di fatto, c’è sicuramente Manuer Neuer, a cui questa frase di Agassi calza a pennello.

Classe 1986, Neuer ha vinto tutto ciò che un calciatore può vincere e più di una volta, sia a livello di club che in nazionale. Da giovane promessa dello Schalke 04 è passato al Bayern Monaco nel 2011 e da lì ha cominciato a rivoluzionare, passo dopo passo, il ruolo del portiere. Non solo agilità, forza fisica, grandi riflessi, un carisma sconfinato, ma anche una tecnica di base da far invidia a molti giocatori di movimento. Un vero e proprio regista difensivo. Neuer è un fenomeno del presente ma è sempre stato identificato come il portiere del futuro. Non a caso, nell’ultimo decennio calcistico, molti estremi difensori hanno cominciato a giocare come lui, con alterne fortune. Nel 2014 la sua carriera ha toccato l’apice, con la vittoria del mondiale in Brasile e la candidatura al Pallone d’Oro. Neuer però è un essere umano e negli ultimi anni la sua perfezione come giocatore è stata scalfita da una gragnola di infortuni abbastanza gravi, come quello al piede sinistro, che gli hanno fatto saltare diverse partite. Durante la stagione 2017-2018 è stato ai box praticamente per tutto l’anno, da quella successiva ha ripreso a giocare, ma senza la continuità che aveva in precedenza. Dallo scorso anno invece, il ritorno a pieno regime, da protagonista assoluto nella conquista del triplete da parte del Bayern Monaco. Memorabili le sue parate nella finale di Champions League contro il Paris Saint-Germain.

Vedendo giocare Neuer si ha l’impressione che il tempo per lui non sia mai passato. A 34 anni, esattamente come a 30 o a 24, è sempre lì, impeccabile, inscalfibile, in controllo della situazione. Né agitato né appagato. Non si spettina neanche dopo le parate irreali che fa (e ne fa parecchie). Non ci pensa proprio ad appendere i guanti al chiodo, vuole ancora dominare il mondo, una seconda, una terza ed una quarta volta. Manuer Neuer è ineluttabile.

Luca Missori

(Fonte immagine: Bayernstrikes.com)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.